rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus in Umbria, il report della Regione: "Contagi, incidenza più elevata tra 3 e 13 anni". In 5 giorni più di 53mila prenotazioni per i vaccini

L'assessore alla Salute, Coletto: "Fase delicata, non bisogna abbassare la guardia. Invitiamo ancora chi ancora non l’avesse fatto a vaccinarsi"

"La curva epidemica, come pure la media mobile a 7 giorni, in Umbria mostrano un trend in sostanziale stabilità rispetto alle settimane precedenti". La Regione Umbria dirama il nuovo report sul coronavirus e sui contagi.

Il nucleo epidemiologico rileva che "L’incidenza settimanale mobile per 100.000 abitanti al 30 novembre è pari a 67" e "anche l’RDt sulle diagnosi calcolato per gli ultimi 14 giorni con media mobile a 7 giorni, si attesta ad un valore di 1,01".

L’Analisi dell’incidenza settimanale mobile per classi d’età, sottolinea il report, "mostra che le classi con l’incidenza più elevata sono, anche in questa settimana, tra 3 e 13 anni".

E ancora: Solamente 5 distretti mantengono un’incidenza settimanale inferiore a 50 casi per 100.000 abitanti, inoltre si evidenzia un lieve aumento dell’impegno ospedaliero regionale: al 30 novembre risultano ospedalizzati 57 soggetti di cui 10 in terapia intensiva. I decessi registrati dal 22 al 28 novembre (settimanali) sono 7". 

Sul fronte dei vaccini, prosegue la Regione Umbria, "dal 27 novembre al 1 dicembre sono state effettuate 53.324 prenotazioni, di cui 317 per prime dosi, 5.944 per seconde dosi e 46.663 per terze dosi". 

Per l'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, "bisogna tenere alta la guardia e insistere affinchè i cittadini adottino le misure di prevenzione, prima tra tutte l’uso della mascherina. Invitiamo ancora chi ancora non l’avesse fatto, a vaccinarsi. A tal fine, il 5 e il 12 di dicembre, così come annunciato, sono stati programmati 2 vaccine day per i quali è stato previsto l’accesso diretto e su prenotazione. Nelle due domeniche sul territorio saranno attivi i punti vaccinali con orario di apertura la mattina e il pomeriggio”. La Regione annuncia che "in queste ore si sta lavorando per ampliare l’offerta vaccinale con la programmazione delle agende che prevederanno appuntamenti dal 6 al 31 dicembre".

“La Regione, per non distrarre il personale sanitario già impegnato nelle aziende – ha concluso Coletto – ha espressamente richiesto altre unità per poter potenziare l’offerta vaccinale giornaliera”. Palazzo Donini ha richiesto al Commissario nazionale per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, "88 operatori medici e sanitari, al fine di poter garantire l’adeguato proseguimento della campagna vaccinazioni anti-covid, fino al 31 luglio 2022".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Umbria, il report della Regione: "Contagi, incidenza più elevata tra 3 e 13 anni". In 5 giorni più di 53mila prenotazioni per i vaccini

PerugiaToday è in caricamento