Cronaca

Coronavirus in Umbria, l'appello: "Cresce il contagio tra i giovani, rispettate il distanziamento"

La Regione Umbria: "Serve maggiore adesione alla campagna vaccinale"

Coronavirus in Umbria, appello ai giovani. Come spiega una nota della Regione "l’andamento epidemiologico registra un aumento di positivi, pur restando molto bassa l’ospedalizzazione". 

Il direttore regionale Stefano Nodessi Proietti, il direttore regionale alla sanità, Massimo Braganti, e il Commissario straordinario all’emergenza Covid, Massimo D’Angelo, lanciano un appello "affinché tutti osservino comportamenti rispettosi delle regole, e per una maggiore adesione alla campagna vaccinale". 

Coronavirus in Umbria, il bollettino del 20 luglio: nessun deceduto, 76 nuovi positivi e 32 guariti

La Regione Umbria sottolinea che "dall’analisi dei dati, emerge con sempre maggiore evidenza il crescere dei contagi tra i giovani da 14 a 24 anni; un dato che evidenzia la scarsa propensione dei giovani al rispetto delle regole del distanziamento. Emerge altresì chiaramente che nei soggetti che contraggono il virus e sono vaccinati con ciclo completo, il rischio di ospedalizzazione si riduce in maniera drastica rispetto ai soggetti contagiati e non vaccinati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Umbria, l'appello: "Cresce il contagio tra i giovani, rispettate il distanziamento"

PerugiaToday è in caricamento