rotate-mobile
Cronaca Deruta

Coronavirus, Deruta piange i suoi morti: "Dietro ai numeri ci sono persone e famiglie"

Il sindaco Toniaccini: "In questi ultimi giorni, purtroppo, sono deceduti alcuni nostri concittadini. Dobbiamo continuare a mantenere alta la guardia e a osservare tutte le misure di prevenzione"

La città di Deruta è in lutto per l'ultimo decesso legato all'emergenza coronavirus, registrato ieri (mercoledì 20 gennaio) nella dashboard della Regione Umbra (il nono nel territorio comunale dall'inizio dell'epidemia).

"In questi lunghi mesi di pandemia - scrive il sindaco Michele Toniaccini sui profili social del Comune -, le notizie sui casi positivi, sui ricoveri, sui decessi si sono susseguiti giorno dopo giorno. Si parla di 'numeri', di 'casi', ma non dobbiamo mai dimenticare che dietro ognuno di loro ci sono persone. Persone che soffrono, altre che ci hanno lasciato e intere famiglie che si trovano ad affrontare malattie e perdite. Anche a Deruta, in questi ultimi giorni, purtroppo, sono deceduti alcuni nostri concittadini. Sono profondamente addolorato. E porgo le mie più sentite condoglianze, anche a nome della giunta, alle famiglie".

Ecco così l'invito a rispettare le regole in attesa che la campagna di vaccinazione faccia il suo corso: "Nella nostra regione, si sta procedendo con le vaccinazioni e questa è l'unica via per arrestare la diffusione del virus. Contemporaneamente, dobbiamo continuare a mantenere alta la guardia, a osservare tutte le misure di prevenzione. Tutta la comunità derutese - conclude il primo cittadino - si stringe attorno alle famiglie che, in questa lotta contro il Covid, hanno perso un loro caro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Deruta piange i suoi morti: "Dietro ai numeri ci sono persone e famiglie"

PerugiaToday è in caricamento