menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Città di Castello: Villa Muzi accoglie la prima paziente

La struttura, messa a disposizione della Regione dalla Curia, è riservata ai clinicamente guariti in attesa della completa negativizzazione

Mentre continua l'emergenza coronavirus in Umbria è arrivata oggi (domenica 5 aprile) la prima paziente a Villa Muzi, struttura messa a disposizione della Curia Vescovile di Città di Castello e destinata dalla Regione al ricovero dei positivi al Covid-19 clinicamente guariti (quelli cioè che dopo aver presentato manifestazioni cliniche come febbre, rinite, tosse, mal di gola e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria, diventano asintomatici pur risultando ancora positivi al virus).

VIDEO Coronavirus, Castello: da brividi il concerto del maestro Battistelli davanti all'ospedale

La paziente, che era ricoverata e curata presso il presidio ospedaliero di Città di Castello, è stata accolta dagli operatori sociosanitari della Ati-Asad La Rondine. A Villa Muzi riceverà assistenza infermieristica e in caso di bisogno anche medica, per monitoraggi e terapie fino alla completa negativizzazione degli specifici test microbiologici. L’accesso alla stuttura tifernate è volontaria e riservata a quei pazienti che, purché autosufficienti, sono impossibilitati ad affrontare in sicurezza la convalescenza al proprio domicilio. L'accettazione è comunque subordinata alla richiesta da parte delle direzioni dei presidi ospedalieri o dei distretti di tutta la regione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento