menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus in Umbria: "Rallenta la discesa della curva, calano i ricoveri"

Il punto settimanale del nucleo epidemiologico della Regione: "Calo dei positivi frenato dalle varianti, indice Rt a 0.98". Migliorano (anche in Alto Tevere e Alto Chiascio) i dati sull'incidenza settimanale per 100mila abitanti

"Da qualche giorno la discesa della curva in Umbria sembra essersi fermata, resa più lenta dai numeri più piccoli e dalla presenza di varianti sul territorio". Questa la 'fotografia' fatta da Marco Cristofori del nucleo epidemiologico della Regione nel corso della consueta conferenza stampa settimanale sull'andamento dell'epiedemia da Coronavirus in Umbria.

"L'indice Rt è a 0,98 (al di sopra della media italiana che secondo quanto riportato dal nucleo epidemiologico umbro è a 0,90, ndr) e per questo la curva tende ad appiattirsi. Dal picco di 8mila attualmente positivi raggiunto nella seconda ondata siamo scesi ai 2.908 di ieri (28 aprile, ndr) ma il calo sembra quasi essersi fermato".

Coronavirus in Umbria: "A maggio altri due 'Vax Day' e prima dose a tutti gli over 70"

Buone notizie arrivano comunque dai dati sull'incidenza settimanale per 100.000 abitanti: "Siamo al di sotto della media italiana con il dato a 78 e le province ora sostanzialmente allineate. Migliorano anche Alto Tevere e dell'Alto Chiascio e tutti i distretti sono sotto la soglia di 200 (considerata critica, ndr), con Montefalco unico comune a superarla. Ora però bisognerà vedere l'impatto che avranno sull'incidenza le prime riaperture".

Per quanto riguarda gli ospedali "continua il calo dei ricoveri ordinari ma sembra essersi stabilizzato il dato dei ricoveri in terapia intensiva, mentre il tasso di letalità in Umbria è al 2,5% e quindi al di sotto della media nazionale che è del 3%" spiega invece Carla Bietta, anche lei del nucleo epidemiologico, aggiundendo che "la prossima settimana arriveranno i report dei sequenziamenti e avremo anche i dati sul tasso di presenza delle varianti sul territorio".

Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 aprile: i dati comune per comune

Nelle prossime settimane inoltre sarà monitorato il rapporto tra l'aumento delle temperature e la discesa contagi per capire, come sottolineato ancora da Bietta, che impatto avranno le varianti sul calo mostrato l'anno scorso con l'arrivo dell'estate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Attualità

Coronavirus, Vaccine Day in Umbria: 5.387 dosi somministrate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento