Cronaca

Coronavirus in Umbria: ospedali quasi vuoti, ma in Valnerina cresce ancora l'incidenza

Il report settimanale del nucleo epidemiologico della Regione: l'incidenza media scende a 7 casi per 100mila abitanti, l'indice Rt resta sotto all'1

Migliorano ancora (con l'eccezione della sola Valnerina) i dati relativi all'emergenza coronavirus in Umbria. Ancora buone notizie arrivano infatti dal report sull’andamento dei contagi elaborato dal Nucleo epidemiologico regionale aggiornato a ieri (mercoledì 30 giugno).

Coronavirus in Umbria, Coletto: "Nessun caso di variante Delta nel cluster di Norcia"

Dallo studio risulta che "l’Rt, vista la bassa numerosità dei casi, è soggetto a maggiori oscillazioni, mantenendosi comunque al di sotto del valore di 1". Si conferma poi anche la "stabilizzazione verso il basso del tasso di incidenza settimanale regionale ora di 7 casi per 100.000 abitanti (la settimana scorsa era a 11, ndr) e dei relativi tassi aziendali e provinciali con la tendenza alla riduzione in tutti i distretti: ad eccezione della Valnerina, che mostra un’incidenza più alta con 217 per 100.000 (la settimana scorsa era a 112, ndr), tutti i distretti hanno valori inferiori ai 50 casi per 100.000 abitanti". E proprio nella Valnerina cè il Comune di Norcia che - "con un cluster ben definito, circoscritto e gestito" secondo quanto spiega il nucleo epidemiologico umbro - ha una incidenza superiore a 200 casi per 100.000.

Coronavirus, il generale Figliuolo in Valnerina: "Pronti alla terza dose di vaccino"

Si consolida poi verso il basso anche la quota dei positivi sui nuovi tamponi, "a conferma - sostengono dalla task-force regionale - dell’adeguata azione di tracciamento dei casi in tutto il territorio regionale". Anche l’andamento regionale dei tassi di incidenza per classe d’età conferma una sostanziale stabilità del dato, sempre inferiore a 50 casi per 100.000 abitanti, mentre da giorni non si registrano decessi e continua la discesa dei ricoveri ordinari (16) e in terapia intensiva (uno solo).

Variante Delta e meno dosi: l'Umbria anticipa i richiami dei vaccini, la campagna rallenta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Umbria: ospedali quasi vuoti, ma in Valnerina cresce ancora l'incidenza

PerugiaToday è in caricamento