rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, l'Italia si tinge di rosso nella mappa del rischio dell'Ue: il colore dell'Umbria

L'aggiornamento del Centro europeo per il controllo delle malattie: nessun territorio della Penisola in fascia verde

Salgono a due i territori italiani in rosso scuro (la fascia con più di 500 casi ogni 100.000 abitanti nelle due settimane precedenti) nella mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) sull'incidenza dei contagi da coronavirus nel territorio dell'Unione Europea. Alla Provincia Autonoma di Bolzano, rispetto alla settimana scorsa, si aggiunge infatti il Friuli Venezia Giulia.

Coronavirus, tamponi a tappeto a Cenerente: i primi risultati dello screening di massa

Cresce invece da tre a sette il numero delle regioni in rosso (incidenza di 200-499 casi ogni 100.000 abitanti nelle due settimane precedenti), dove non si trova più appunto il Friuli ma restano Marche e Veneto 'raggiunte' da Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Trento, Emilia-Romagna, Liguria e Lazio.

Coronavirus in Umbria, a dicembre due nuovi 'Vaccine Day'. Ed è boom di prenotazioni

In fascia arancione (tra i 75 e i 200 casi ogni 100.000 abitanti nelle due settimane precedenti) resta infine l'Umbria insieme al resto dei territori della Penisola, compresa la Sardegna che la scorsa settimana era in verde (quella con meno di 50 casi ogni 100.000 abitanti e un tasso di positività dei tamponi inferiore al 4% o sotto ai 75 con un tasso inferiore all'1% nelle due settimane precedenti).

Coronavirus, l'Ema approva l'estensione del vaccino Pfizer ai bambini della fascia 5-11 anni

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'Italia si tinge di rosso nella mappa del rischio dell'Ue: il colore dell'Umbria

PerugiaToday è in caricamento