rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Coronavirus, il report dell'Iss: i dati aggiornati sull'efficacia dei vaccini

Il documento pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità, con i dati aggiornati al 21 dicembre

Nuovi dati sull'efficacia dei vaccini anti-Covid sono stati forniti dall'Istituto Superiore della Sanità, che nell'ultimo report esteso pubblicato sul proprio sito spiega come "ad oggi la variante Delta rappresenta ancora la variante predominante di SARSCoV-2 nel nostro Paese ma la variante Omicron si sta diffondendosi rapidamente". E in questo contesto "dopo 150 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, l’efficacia del vaccino nel prevenire la malattia, sia nella forma sintomatica che asintomatica, scende dal 71,5% a 30,1%". 

Covid, l'ultimo report estesso dell'Iss

Allo stesso tempo però "rimane elevata l’efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa, in quanto l’efficacia del vaccino nei vaccinati con ciclo completo da meno di 150 giorni è pari al 92,7%, mentre cala all’82,2% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 150 giorni". L’efficacia nel prevenire la diagnosi e i casi di malattia severa invece "sale rispettivamente al 71,0% e al 94,0% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster".

Coronavirus in Umbria, basta un test antigenico positivo e scatta la quarantena

Pubblicati anche i dati sul tasso di ospedalizzazione tra gli over 80 e "nel periodo 05/11/2021-05/12/2021 - si legge ancora nel documento dell'Iss - per i non vaccinati (466 ricoveri per 100.000) si evidenzia come questo sia circa otto volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 150 giorni (60 ricoveri per 100.000) e circa 36 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (13 ricoveri per 100.000)". 

'Decreto festività': le nuove regole su Green Pass, discoteche, mascherine e terza dose

Per i ricoveri in terapia intensiva nella stessa fascia di età e nello stesso periodo invece, "il tasso di ricoveri in terapia intensiva dei non vaccinati (26 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) è circa dieci volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo entro 150 giorni (3 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) e circa 85 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (0,3 ricoveri in terapia intensiva per 100.000)". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il report dell'Iss: i dati aggiornati sull'efficacia dei vaccini

PerugiaToday è in caricamento