Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Coronavirus, l'ordinanza del sindaco: "A Perugia 1012 nuovi positivi in 12 giorni"

Ordinanza di Romizi, chiusi asili e scuole materne: il punto sui contagi

"In via precauzionale e cautelativa, la chiusura per il periodo 15 – 21 febbraio 2021 dei servizi socio educativi per la prima infanzia – fino a 36 mesi di età - pubblici e privati di cui alla legge regionale 22 dicembre 2005, n. 30 così come dei servizi educativi delle scuole dell’infanzia, statali e paritarie, di cui all’articolo 2 comma 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65". Il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, con l'ordinanza 136 del 14 febbraio, chiude gli asili nido e le scuole materne della città a causa dell'aumento dei casi di contagio da coronavirus. 

La stessa ordinanza fotografa così la situazione e l'evoluzione del contagio a Perugia: "In base ai dati divulgati dalla Regione Umbria all’interno della dashboard regionale, si rileva per il Comune di Perugia un grave aumento dei contagi".

Qualche numero: "Si evidenzia  - scrive il sindaco nell'ordinanza - che alla data del 31.12.2020 gli allora attualmente positivi erano 555 contro i 2065 attuali; i deceduti al 31.12.2020 erano 114, alla data odierna saliti a 193; i ricoverati alla data del 31.12.2020 erano 36 totali di cui 3 in terapia intensiva e alla data odierna 145 totali di cui 20 in terapia intensiva".

E ancora: "Nel mese di dicembre 2020 c’è stato un aumento di 816 positivi, nel mese di gennaio 2021 un aumento di 1492 positivi e solo nei primi 12 giorni del mese di febbraio 2021 di 1012 positivi".

Sul fronte del contagio tra i bambini, il sindaco sottolinea che "con nota del Dipartimento di Prevenzione della Sanità del 14.02.2021 vengono evidenziati dati che danno conto di un aggravamento dell’impatto pandemico con un’incidenza sempre maggiore anche nella fascia da 0 a 6 anni nel territorio della provincia di Perugia passando da 88,83 positivi ogni 100.000 abitanti nel mese di dicembre 2020 a 365,20 positivi ogni100.000 abitanti al 07.02.2021; si tenga conto che lo stesso dato registrato nella Provincia di Terni, alla stessa data è pari a 23,59 positivi per ogni 100.000 abitanti".

Nel Comune di Perugia, si legge ancora nell'ordinanza, "in età 0-6 anni risultano 58 positivi nel mese di dicembre mentre da gennaio al 12.02.2021 risultano 157 positivi". E ancora: "Si registra pertanto una maggiore diffusione del virus, rispetto al passato, anche nella fascia di età più giovane, presumibilmente dovuta alle mutazioni del virus Covid-19 note come varianti inglese e brasiliana i cui focolai si sono di recente accertati proprio nel perugino".

Conclusione con l'ospedale di Perugia: "La situazione negli ospedali regionali  - prosegue l'ordinanza del sindaco di Perugia che chiude asili nido e scuole materne - risulta essere particolarmente critica e lo è in particolar modo nell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, dove sono stati riscontrati numerosi casi tanto tra il personale quanto tra i degenti". E ancora: "La pressione sulla rete ospedaliera è fortemente aumentata sia con riferimento al numero complessivo dei ricoverati sia con riguardo specifico ai ricoverati in terapia intensiva; la Protezione Civile Nazionale ha bandito apposita procedura per l’individuazione di medici, infermieri e operatori socio-sanitari da destinare alla Regione Umbria per la gestione dei casi di Covid-19".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'ordinanza del sindaco: "A Perugia 1012 nuovi positivi in 12 giorni"

PerugiaToday è in caricamento