Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Faceva i capelli a domicilio durante la chiusura da Coronavirus, stangata parrucchiera

Città di Castello, scoperta dalla Guardia di finanza mentre circolava con una grande valigia con tutti gli attrezzi per taglio e messa in piega

Una parrucchiera ha lavorato a domicilio della propria clientela durante la chiusura iposta dalle misure anti Coronavirus, ma l’ingombrante valigia che portava con sé l'ha tradita e attirato l’attenzione dei militari del Comando Provinciale di Perugia della Guardia di finanza.

I militari della Tenenza di Città di Castello hanno notato la signora uscire da un’abitazione portandosi dietro una valigia. Hanno fermato la donna e controllato il bagaglio che conteneva asciugacapelli, forbici, pettini, piastra, lacca. La parrucchiera ha subito ammesso di aver lavorato a domicilio, violando le restrizioni che imponevano la chiusura dei servizi di salone ed in generale per barbieri e parrucchieri e anche la "quarantena" per le famiglie e i privati.

In caso di violazioni, come nel presente evento, sono previste sanzioni economiche e la sospensione dell’attività per cinque giorni. Inoltre, l’autorità competente per la violazione amministrativa può disporre ulteriori misure restrittive, una volta valutata la gravità della violazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faceva i capelli a domicilio durante la chiusura da Coronavirus, stangata parrucchiera

PerugiaToday è in caricamento