menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il sindaco di Perugia 'chiude' le strutture di accoglienza per i senzatetto

Ordinanza numero 571 del 24 aprile: annullato l'utilizzo del cva e della palestra di Sant'Erminio

Chiuse. Ordinanza numero 571 del 24 aprile, con la quale il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, "ordina di revocare, con effetto immediato, l’ordinanza 294 del 22 marzo" e "ordina di annullare, con effetto immediato, l’utilizzo delle due strutture comunali che si trovano presso il CVA e la palestra di Sant’Erminio per l’accoglienza di persone senza fissa dimora connessa all’epidemia da Covid-19". 

L'ordinana 294 è quella che ha destinato il cva e la palestra di Sant'Erminio - strutture "valutate idonee ad accogliere un congruo numero di persone asintomatiche (complessivamente non superiore a n. 35 ospiti) durante l’intera giornata, assicurando nel suo funzionamento adeguate distanze di sicurezza all’interno delle strutture", si legge nell'ordinanza - "all’accoglienza di persone senza fissa dimora per tutto il periodo dell’emergenza epidemiologica connessa al Covid-19 con la gestione del servizio garantita dal C.O.C. attraverso le funzioni Sanità Assistenza Sociale e Veterinaria (F 2), Volontariato (F 3) e Assistenza alla popolazione (F 9)". 

L'ordinanza 571, invece, ordina la chiusura delle stutture perché "le persone accolte presso le suddette strutture sono soggetti di difficile gestione in quanto tornano al centro esclusivamente per la notte o per i pasti; durante il giorno circolano fuori dalle strutture; il loro rientro al centro non avviene regolarmente tutti i giorni; si genera un alterno ricambio dei soggetti ospitati; si generano assembramenti di soggetti, spesso diversi di giorno in giorno, per i quali, stante le caratteristiche strutturali del centro, non è possibile garantire un adeguato isolamento o distanziamento sociale. Inoltre, essendo liberi di circolare, possono entrare in contatto quotidianamente con altri soggetti potenzialmente portatori di SARS-CoV-2 con rischio continuativo di contagio". 

L'ordinanza del sindaco Romizi riporta anche che "Ai soggetti ospitati sono stati effettuati tamponi che fino ad oggi risultano negativi", che "l’evoluzione dell’epidemia in Umbria è prossima a zero nuovi positivi" e che "il permanere di concentrazioni di persone senza fissa dimora può invece favorire nuovamente il contagio da Coronavirus a seguito dei continui interscambi di individui". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Attualità

Coronavirus, Vaccine Day in Umbria: 5.387 dosi somministrate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento