Cronaca

Fedeli in chiesa ad Ammeto per la domenica delle Palme, il Comune: "Episodio da condannare, le forze dell'ordine indagheranno"

L'amministrazione marscianese: "Celebrazioni pubbliche vietate dalle misure per contenere il coronavirus. Controlli rafforzati nelle parrocchie per le festre pasquali"

Continua a far discutere la messa celebrata nella parrocchia di Ammeto alla presenza di alcuni fedeli. La funzione religiosa è stata diffusa anche in streaming e proprio le immagini diffuse on line hanno dato la conferma che la messa non si è svolta completamente a porte chiuse, come prescritto. Dura l'amministrazione comunale di Marsciano: "Seppure condivisibile l’intenzione da parte della parrocchia di dare vita ad una cerimonia a porte chiuse e di trasmettere in streaming per i fedeli, non può che essere condannato il modo in cui l’iniziativa è stata condotta, ovvero non a porte chiuse ma alla presenza di alcuni fedeli, sebbene molto pochi. Questo, almeno, è quanto si evince proprio dalla documentazione video dell’evento. E tuttavia saranno ora le forze dell’ordine, a cui l’episodio è stato segnalato, a fare le opportune verifiche e, qualora si accerti la presenza di reati, a comminare le sanzioni previste dalla legge, a partire dalle quelle pecuniarie".

"Quanto successo rappresenta un comportamento comunque grave perché una delle ragioni della facilità di diffusione di questo virus è legata alla presenza degli asintomatici, ovvero soggetti che, pur in assenza di sintomi, sono inconsapevoli portatori del virus e possono infettare altre persone - prosegue il Comune - Chi può dirci che tra i partecipanti a questa cerimonia non ci fossero persone asintomatiche? O peggio ancora persone che hanno violato la quarantena?"

 Il Comune, nel prendere contatti con la parrocchia di Ammeto, invita quindi "la stessa e tutti i fedeli a rispettare in modo assolutamente rigoroso e responsabile, anche nel prosieguo delle celebrazioni pasquali, le norme che sono state emanate a tutela della salute pubblica. Gli assembramenti sono vietati in qualunque forma e non è quindi tollerabile quanto è successo in questa occasione, proprio perché può essere l’origine di ulteriori contagi, cosa che, naturalmente, non auspichiamo".

L’amministrazione comunale "ha ben presente l’importanza per tutte le confessioni religiose e i fedeli di continuare a tenere vivo un legame spirituale e di comunità, ma questo va fatto, senza alcuna eccezione, nell’assoluto rispetto delle restrizioni in vigore. La normativa, come precisa una stessa nota del ministero dell’Interno, ammette lo svolgimento di celebrazioni religiose a porte chiuse, alla sola presenza dei celebranti e degli accoliti necessari allo svolgimento del rito, e comunque nel rispetto delle misure di igiene e delle distanze di sicurezza. Il Comune si attiverà quindi con controlli stringenti in tutte le chiese per verificare e garantire che tali principi vengano rigorosamente rispettati". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fedeli in chiesa ad Ammeto per la domenica delle Palme, il Comune: "Episodio da condannare, le forze dell'ordine indagheranno"

PerugiaToday è in caricamento