menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, linee guida per la riapertura delle scuole in Umbria a settembre

di Michele Baldoni - Cesvol

“Come effettuare la riapertura scolastica in periodo coronavirus? Valutare i rischi per la salute pubblica, su bambini, personale scolastico e loro contatti immediati” Queste le linee guida congiunte di ISS, Ministero della Salute, Ministero dell'Istruzione e Inail, 21 agosto 2020. In vista della riapertura delle scuole italiane per l’anno 2020 / 2021 , sono dunque ISS, Ministero della Salute, Ministero dell'Istruzione e Inail a indicare punti da seguire, in sicurezza da coronavirus. “Riprendere le attività scolastiche è volontà di tutte le agenzie internazionali, tra le quali l’Oms. Quindi, data la possibile circolazione del virus dopo settembre 2020, vi è una strategia nazionale di risposta a eventuali casi in ambito scolastico” - afferma il presidente dell’ISS Silvio Brusaferro. Il presidente presenta il documento congiunto “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia” realizzato da ISS, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, Inail, Fondazione Bruno Kessler, Regione Veneto e Regione Emilia-Romagna, che illustra i comportamenti da seguire se un alunno o un operatore scolastico risulteranno sospetti o positivi al virus.

Nessun rinvio per le scuole. Il documento congiunto sottolinea, quindi, che è difficile stimare ad oggi l’incidenza della riapertura delle scuole sulla ripresa della circolazione del coronavirus in Italia. ISS, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, Inail, Fondazione Bruno Kessler, Regione Veneto e Regione Emilia-Romagna affermano insieme che “non è noto quanto i bambini, prevalentemente asintomatici, potranno trasmettere il virus agli adulti. Il potenziale, per sintomatici e asintomatici, non è differente. Questo non permette una realistica valutazione all’interno delle scuole in Italia”. Dunque documento in perenne aggiornamento, alla luce delle conoscenze scientifiche che verranno acquisite giorno dopo giorno.

Nel testo del 21 agosto 2020, ISS, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, Inail, Fondazione Bruno Kessler, Regione Veneto e Regione Emilia-Romagna raccomandano alle scuole e ai servizi educativi per l’infanzia di identificare referenti scolastici adeguatamente formati, anti coronavirus. Inoltre, nelle scuole un registro alunni e personale, per ciascuna classe, e di ogni contatto tra classi diverse. Da registrare le supplenze, gli spostamenti provvisori di studenti fra le classi, per facilitare l’identificazione dei contatti da parte del DdP della Asl competente territorialmente.

Bambini e ragazzi con temperatura superiore a 37,5°C dovranno restare a casa . Nel caso di alunno con sintomo compatibile a coronavirus, presso il proprio domicilio, i genitori comunicheranno il motivo dell’assenza alla scuola a dirigente scolastico e a referente scolastico per coronavirus. Il medico richiederà tempestivamente il test diagnostico e in caso di tampone positivo il Dipartimento di Prevenzione si attiverà per l’indagine epidemiologica dei contatti stretti. Idem per i docenti. Se si verificheranno numeri elevati di assenze di alunni o insegnanti, il referente scolastico per coronavirus ne darà comunicazione al Dipartimento di Prevenzione. Se un alunno o un operatore scolastico risulta positivo, il DdP valuterà di prescrivere la quarantena a tutti gli studenti della stessa classe e agli eventuali operatori scolastici esposti. 

La chiusura di una scuola o parte della stessa dovrà essere valutata dal DdP. Nel documento congiunto di ISS, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, Inail, Fondazione Bruno Kessler, Regione Veneto e Regione Emilia-Romagna si pensa a un numero verde gratuito per dare supporto a scuole e famiglie, nonché alla promozione dell’app Immuni, per i maggiori di 14 anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento