menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, le Aziende sanitarie replicano ai sindacati: "Intimidazioni? Ci diano riferimenti puntuali, indagheremo"

Le Asl e la Regione rispondono alle contestazioni: preparazione del personale, dispositivi di sicurezza e modalità di lavoro

I commissari straordinari delle Aziende sanitarie e ospedaliere dell’Umbria  rispondono congiuntamente al documento di diffida del 13 marzo scorso presentato dalle sigle sindacali regionali Cgil, Cisl e Uil.

Le Aziende sanitarie regionali e la Regione stessa, all’unisono, si legge nella nota di risposta, "si sono adeguate alle varie fasi epidemiologiche con specifiche direttive emanate man mano che la casistica interessava un maggior numero di positivi, e una serie di documenti aziendali che hanno riguardato sia il territorio che gli ospedali. In ogni Azienda è stata creata una Unità di Crisi che segue h 24 l’evoluzione dell’emergenza coronavirus, con la partecipazione di tutti i livelli aziendali sia del Comparto che della Dirigenza".

"Sono stati attivati specifici corsi di formazione per il personale infermieristico per l’utilizzo in sicurezza dei dispositivi di protezione individuale (DPI) - aggiungono ancora - e per la gestione del paziente sospetto o positivo sia a domicilio che nella fase di trasporto in ambulanza e di accettazione al pronto soccorso. Sono corsi teorici, pratici e di addestramento che hanno interessato il personale di pronto soccorso, 118, infermieri distrettuali che svolgono attività domiciliare e  inoltre il personale dei reparti ospedalieri  di medicina, medicina d’urgenza e pneumologia. Oltre 24 edizioni nelle varie sedi solo per la Usl Umbria 2. Sono stati predisposti negli accessi ospedalieri  aree di triage proprio per limitare il passaggio di positivi ed evitare l’inquinamento di spazi ospedalieri. Sono state date disposizioni affinché sia il medico di medicina generale sia il medico di continuità assistenziale facciano triage telefonici prima dell’eventuale accesso degli assistiti nei propri studi.Sono stati date specifiche direttive al fine di limitare gli accessi negli ambulatori, sospendendo le visite programmate e facilitando gli accessi con orari cadenzati per le visite Rao A e U e per il Servizio Prelievi che è stato sospeso negli ospedali e cadenzato nel territorio. Il numero degli accessi sia al pronto soccorso sia negli ambulatori territoriali, per quanto sopra, si è notevolmente ridotto, cosa visibile non soltanto a tutti gli operatori ma anche alle stesse organizzazioni sindacali".

Tutte le Aziende sanitarie "si stanno organizzando per facilitare periodi di ferie e/o lavoro agile come da ultime note ministeriali, in particolare per il personale amministrativo e per quello non direttamente interessato nelle attività collegate all’emergenza coronavirus".

Per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale "si stanno seguendo le direttive dell’Oms nella distribuzione delle mascherine filtro rispetto alle chirurgiche. E’ stato prodotto specifico lavoro in tal senso che racchiude e sintetizza tutti i documenti elaborati  a livello scientifico.

Infine, in merito ai presunti episodi di intimidazione denunciati, le Aziende sanitarie invitano le organizzazioni sindacali a circostanziare in modo puntuale e preciso, entro e non oltre 24 ore,  i fatti denunciati, così  da consentire l’avvio di  accurate indagini e verifiche interne al fine di adottare, qualora acclarati i fatti,  gli opportuni provvedimenti. In caso contrario le Aziende si riservano di adire ogni  possibile tutela legale in sede penale e civile conseguente alle affermazioni riportate e diffuse dai media".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento