Coronavirus, monitoraggio della Cabina di regia: Rt a 1.09 in Umbria. La mappa delle regioni

Il report della settimana 9-15 novembre pubblicato dal Ministero della Salute: "Iniziale effetto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale, ma la trasmissibilità in gran parte del territorio è ancora alta"

Coronavirus, indice Rt (indice di trasmissione) a 1.09 in Umbria. È questo il risultato dell'ultimo monitoraggio della Cabina di regia, relativo al periodo 9-15 novembre (coni dati aggiornati al 18), il cui report è stato pubblicato dal Ministero della Salute. Solo tre al momento le Regioni con Rt sotto alla soglia considerata 'critica' dell'1 (Lazio, Liguria e Sardegna rispettivamente a 0.9, 0.92 e 0.84).

Umbria in 'zona arancione', cosa si può fare e cosa no: i chiarimenti del governo

"L’epidemia in Italia - si legge nelle conclusioni del report - si mantiene a livelli critici sia perché l’incidenza di nuove diagnosi resta molto elevata e ancora in aumento, sia per gravità con un significativo impatto sui servizi assistenziali. Nella maggior parte del territorio nazionale la trasmissibilità è compatibile con uno scenario di tipo 2 con alcune Regioni/PA in cui la velocità di trasmissione è ancora compatibile con uno scenario 3. Si osserva una riduzione nella trasmissibilità rispetto alla settimana precedente suggerendo un iniziale effetto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale dal 14 ottobre 2020. Tuttavia, poiché la trasmissibilità in gran parte del territorio è ancora con un Rt>1 e comporta un aumento dei nuovi casi; questo andamento non deve portare ad un rilassamento delle misure o ad un abbassamento dell’attenzione nei comportamenti".

Coronavirus, le indicazioni per la durata e il termine di isolamento e quarantena

"Con l’attuale livello di incidenza di diagnosi resta frequente l’impossibilità di tenere traccia di tutte le catene di trasmissione e si mantiene un carico elevato sui servizi assistenziali con un ulteriore aumento dei ricoverati per Covid-19 sia in area critica che non critica. Coerentemente, la situazione descritta in questa relazione evidenzia forti criticità dei servizi territoriali e assistenziali sull’intero territorio nazionale. Si conferma che è ancora necessaria una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone in modo da ridurre il rischio di trasmissione dell’infezione e quindi alleggerire la pressione sui servizi sanitari".

La 'mappa' delle Regioni:

Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
PA Bolzano
PA Trento
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Umbria
Valle D'Aosta
Veneto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento