Coronavirus, un caffè rigorosamente da asporto per iniziare la fase 2 nel centro storico deserto

Perugia, professionisti che vanno a studio e qualche residente che vuol riassaporare la miscela del bar. Come si sono organizzati i locali dell'acropoli

Adeguarsi ai tempi e provare a ripartire. È questo lo spirito che anima i pochi titolari di bar che hanno deciso di riaprire sin da oggi con il servizio di asporto di caffè, cornetto e sandwich. Cartelli che indicano i comportamenti, nastri che delimitano le aree accessibili, come si sono organizzati i locali dell'acropoli.

Tra corso Cavour, piazza Matteotti, corso Vannucci, via Mazzini e piazza Danti, appena tre bar aperti e attrezzati per il servizio di asporto, l’unico concesso.

A Sant’Ercolano il bar omonimo, ad esempio, è aperto per le consegne a domicilio di panini e torte al testo. Giungendo in piazza Matteotti il Bristot è aperto, ma solo per la tabaccheria: “Aspettiamo una regolamentazione più precisa da parte delle istituzioni. Preferiamo rimanere chiusi una o due settimane ancora” bar2-2dicono dietro il banco e dietro alla mascherina.

La clientela, di fatto, scarseggia, perché nonostante l’allentamento delle misure governative, circolano solo professionisti con lo studio in centro e qualche residente che vuole prendere un caffè diverso da quello casalingo.

Sembra di capire anche che i locali più orientati ad offrire un servizio non solo di caffetteria, ma abbinandolo a pranzi veloci o aperitivi, preferiscano rimanere chiusi dopo un rapido calcolo di costi e ricavi. Per il bar che fornisce snack da bancone e caffè, invece, è più semplice adeguarsi alle nuove regole.

Al bar Duomo, ad esempio, “si entra uno alla volta, si ordina e si porta via – dice il barista – In queste prime ore della mattina sono venuti alcuni professionisti”, ma è anche lunedbar-3ì, il primo giorno di una fase in cui persistono timori e difficoltà.

Al bar Turreno, all’ingresso, su un tavolino c’è il gel igienizzante e si entra uno alla volta, anche se il locale è molto grande. “Le regole sono mascherina, guanti e solo ordine da asporto – dice il barista – Qualche cliente sta venendo, ma si tratta di persone che si trovano a passare perché vanno al lavoro”.

Ultimo bar in via Mazzini, locale omonimo, con il barista che posiziona un vassoio di cornetti appena sfornati denbar3-2tro le vetrine del bancone: “Si va avanti, un cliente alla volta – dice – Bisogna pur riprendere in qualche modo. Il cliente entra, prende e va via. Non si può neanche stare fuori al sole. Vedremo”.

Sì, vedremo, d’altronde è solo il primo giorno di una nuova vita. Per tutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento