Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Coronavirus, le regole per gli eventi all'aperto: ok alla deroga per Umbria Jazz e Festival di Spoleto

Gli organizzatori di manifestazioni con più di 1.000 persone dovranno comunicare alla Regione Umbria il numero dei partecipanti e le modalità operative

L'Umbria è in zona bianca e da oggi cade anche l'obbligo di indossare le mascherine all'aperto, ma non si abbassa la guardia nell'affrontare l'emergenza coronavirus. Ecco così che dopo l'odierna riunione del Centro operativo regionale della Regione Umbria (coordinata dal direttore regionale competente, Stefano Nodessi Proietti, con la partecipazione anche degli altri direttori regionali Massimo Braganti, Carlo Cipiciani e Luigi Rossetti) sono state emanate direttive speciali per l'organizzazione delle manifestazioni all'aperto, anche in considerazione dei prossimi grandi eventi dell'estate umbra.

"Gli organizzatori di manifestazioni all’aperto con più di 1.000 persone - si legge in una nota della Regione - dovranno comunicare alla Regione Umbria il numero dei partecipanti e le modalità operative per garantire il rispetto delle “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali”, contenute nell’Ordinanza dello scorso 29 maggio, emanata dal Ministro per la salute, Roberto Speranza. Al di sotto di questa soglia di partecipanti non è prevista alcuna comunicazione alla Regione Umbria, fermo restando il più rigoroso rispetto delle norme anti Covid-19 definite con la citata ordinanza dello scorso 29 maggio".

VIDEO Umbria Jazz 2021, Tesei: "Evento fondamentale per l'Umbria, c'è voglia di eventi"

Nel corso della riunione, inoltre, è stato dato "parere favorevole alla richiesta di deroga avanzata dalle organizzazioni del Festival di Spoleto e di Umbria Jazz per portare rispettivamente a 1.150 e 1.700 il numero di persone ammesse agli eventi. Le stesse organizzazioni, anche in questo caso, dovranno garantire il massimo rispetto delle norme stabilite dalle “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali”. Infine è stata "ribadito l’obiettivo di effettuare entro luglio, grazie anche all’ausilio dei team vaccinali dell’Esercito Italiano, il completamento della inoculazione della seconda dose di vaccino dei cittadini residenti in tutta l’area del cratere sismico della Valnerina, ciò anche in considerazione dell’andamento epidemiologico del COVID-19, soprattutto nel Comune di Norcia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, le regole per gli eventi all'aperto: ok alla deroga per Umbria Jazz e Festival di Spoleto

PerugiaToday è in caricamento