rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, due tamponi positivi in Umbria: "Isolamento in casa, le condizioni di salute non destano preoccupazione"

Si sta ricostruendo la rete di persone con cui sono venuti in contatto. La Regione: "Casi di importazione, non legati a focolai locali"

Due tamponi positivi al coronavirus in Umbria, ma lo stato di salute dei pazienti "non desta particolare preoccupazione". Si tratta di due "casi di importazione di infezione da coronavirus, non riconducibili a focolai locali", spiega la Regione Umbria. Secondo quanto ricostruito dalla task force per il coronavirus "nei giorni scorsi, uno dei due pazienti si è recato in Emilia Romagna, mentre l’altro è venuto in contatto a Roma con un residente del comune di Castiglione D’Adda".  

Coronavirus, caso positivo a Montecastrilli. Il sindaco: "Attendiamo il secondo esame: evitare allarmismi"

I due - un uomo di Foligno e uno di Montecastrilli - hanno "seguito tutte le indicazioni stabilite dal Ministero della Salute". Isolamento volontario, come prima cosa,  e poi "hanno immediatamente contattato, al manifestarsi dei primi sintomi, il medico di famiglia e il responsabile di Dipartimento di prevenzione territoriale". Per entrambi è scattato l'isolamento fiduciario in casa. Qui è stato effettuato il primo tampone, che è risultato positivo. Come da procedura, òa controprova arriverà domani, con le analisi dello Spallanzani di Roma. 

Ora, come spiega la Regione Umbria in una nota ufficiale, "sono in atto tutte le procedure utili a garantire la sicurezza dei familiari e della comunità. Si sta prontamente ricostruendo, con la collaborazione dei diretti interessati, la rete delle persone con cui sono venuti a contatto i due soggetti prima dell’isolamento volontario messo in atto già da qualche giorno". 

Aggiornamento ore 19.12 - E' in isolamento la persona di Montecastrilli risultata positiva al primo esame del tampone relativo al contagio del Coronavirus. Nel paese c’è molta preoccupazione. Montecastrilli conta 5 mila abitanti. Informato della questione, il sindaco Fabio Angelucci si è immediatamente attivato e lancia un appello alla calma e a evitare psicosi: “Sono state già attivate tutte le precauzioni previste, ma vorrei sottolineare che occorre attendere l’esito della seconda controprova per avere la certezza, per cui al momento il mio invito è di evitare allarmismi. Le condizioni di salute del cittadino – aggiunge – sono sotto controllo. Questa sera intanto – continua – avrò una riunione in prefettura per proseguire con le procedure precauzionali già emanate da Regione e ministero della Salute. Dobbiamo aspettare dunque l’esito del secondo esame, come da protocollo, presso lo ‘Spallanzani’ di Roma sperando che risulti negativo”. 

Aggiornamento ore 19.24 - Il Direttore Regionale della Salute, Claudio Dario, spiega che "Non ha importanza conoscere l'area di residenza dei due casi positivi al tampone, in quanto gli stessi sono in isolamento ormai da qualche giorno e le loro condizioni di salute non hanno comportato una modifica dell'ordinanza della Regione Umbria, in merito ai comportamenti da tenere da parte della popolazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, due tamponi positivi in Umbria: "Isolamento in casa, le condizioni di salute non destano preoccupazione"

PerugiaToday è in caricamento