Cronaca

Coronavirus, controllato dalla polizia al percorso verde: due espulsi e un denunciato

Dal controllo per rispetto del decreto contro il contagio da coronavirus all'espulsione dal territorio nazionale

Dal controllo per rispetto del decreto contro il contagio da coronavirus all'espulsione dal territorio nazionale. Tutto è cominciato al percorso verde di Bastia Umbra, dove gli agenti del Commissariato di Assisi hanno fermato un albanese di 21 anni.

Il ragazzo ha raccontato agli agenti di aver lasciato passaporto e documenti a casa della sorella. Una balla. Gli agenti lo hanno accompagnato fino a quella casa e il 21enne ha dovuto ammettere di vivere insieme alla madre, in un'altra casa. I poliziotti sono andati anche lì e hanno trovato la donna. Il passaporto di madre e figlio ha detto la verità: ultimo ingresso in Italia datato 2018. Irregolari e sprovvisti del permesso di soggiorno. Il 21enne è stato denunciato per false attestazioni a pubblico ufficiale. Per entrambi è scattata l'espulsione. 

Ma la storia non finisce qui. Gli accertamenti della polizia hanno portato alla luce anche un affitto in nero, 300 euro al mese, versato dai due a un 58enne albanese, con regolare permesso di soggiorno, con precedenti di polizia. Per l’uomo è scattata la denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, controllato dalla polizia al percorso verde: due espulsi e un denunciato

PerugiaToday è in caricamento