Coronavirus, ancora un contagio a Città della Pieve. Il sindaco: "Ognuno faccia tutto il possibile per contenere il contagio"

Nel consueto aggiornamento sui social, Risini invita i concittadini a non trascurare eventuali sintomi e comportamenti adeguati

I casi a Città della PIeve aumentano di un'unità. Si tratta, spiega il sindaco Fausto Risini, di una persona già in quarantena il cui contagio si ritiene possa avere origine fuori dalla regione. Diciassette i pazienti in totale.

"Penso sia ormai chiaro a tutti che stiamo parlando di un virus estremamente contagioso, che può essere trasmesso anche da soggetti asintomatici o con sintomi molto lievi - scrive il sindaco nel consueto aggiornamento sulla pagina Facebook del Comune - Considerate, difatti, che dai tamponi eseguiti su tutti gli abitanti del paese Veneto Vo', uno dei Comuni italiani più colpiti, è emerso che il 60% delle persone risultate positive non presentava alcun sintomo. Questo per darvi la misura del grado di attenzione e scrupolo che ognuno di noi deve avere.

Molti cittadini sanno che i sintomi tipici del Covid-19 sono febbre, tosse, fiato corto e stanchezza, ma tra i sintomi ci possono essere anche naso che cola o otturato, mal di gola, mal di testa, dolori muscolari, diarrea, nausea e vomito. Non dobbiamo assolutamente sottovalutare nulla, neanche i sintomi più lievi, con il rischio di contagiare qualcuno che potrebbe, invece, sviluppare complicazioni cliniche molto gravi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vi prego - aggiunge ancora - di non cimentarvi in autovalutazioni o aspettare giorni prima di contattare il vostro medico, pensando magari che si tratti di una semplice influenza. Vi rinnovo dunque l'invito a contattare immediatamente il vostro medico di famiglia o il numero verde regionale 800 636363 in presenza di sintomatologia. Ricordate che il contagio può avvenire tramite fluidi respiratori, ma può avvenire anche tramite le superfici sulla quale il coronavirus può sopravvivere per diverso tempo, per questo è fondamentale fare attenzione a non toccarsi il viso prima di aver lavato accuratamente le mani. È necessario che ogni cittadino, responsabilmente, ponga in essere tutte le precauzioni atte a limitare al massimo il contagio nella nostra comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento