Coronavirus, negativi i tamponi delle persone a contatto con il giovane caduto dallo skate

I genitori del ragazzo sono negativi e hanno sviluppato gli anticorpi. Il legale della famiglia ha ricostruito la vicenda: "Nessun festino e con due solo un incontro casuale"

Tutti negativi i tamponi a cui sono state sottoposte le persone che hanno avuto contatti con il giovane infortunatosi cadendo dalla skateboard a Foligno e poi risultato positivo al Covid19, ma asintomatico.

I tamponi hanno riguardato i genitori del giovane, risultati negativi al test mentre dall’esame sierologico è emerso che entrambi presentano gli anticorpi al Coronavirus, e i ragazzi che hanno avuto contatti, seppur minimi con il ragazzo. Si tratta di una ragazza e un ragazzo con il quale si è incontrato al di fuori della sua abitazione (e che potrebbe costargli una sanzione per essersi spostato da casa per andare proprio dall’amica) e due giovani con i quali si sarebbe intrattenuto mentre si trovava nel giardino di casa e con i due che sarebbero passati per la via.

Il ragazzo è stato operato a Terni per la riduzione della frattura alla mandibola e riportato a casa sua a Foligno dove dovrà rimanere in isolamento casalingo.

Nella ricostruzione è stato appurato che non c’è stato alcun festino di compleanno (il ragazzo compie gli anni ad ottobre), ma solo una visita ad un’amica (per quanto non consentita) e un incontro casuale con altri giovani. Poi l’incidente in skateboard, dopo essere andato a comperare le sigarette (cosa consentita) il ricovero e l’operazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l’avvocato Annalisa Campagnacci, incaricata dalla famiglia di tutelare i genitori e il giovane dalla campagna di diffamazione e linciaggio avvenuto sui social e tramite messaggistica immediata, non ci sarebbe stato alcun focolaio, tanto meno danno al territorio (dal 4 maggio valgono anche per Foligno le regole per tutta la regione). Per quanto riguarda i messaggi inquietanti che sono stati inviati alla famiglia il passo successivo sarà quello della querela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Ospedale di Perugia, tre infermieri e due pazienti positivi al coronavirus: asintomatici e in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento