FURBETTI Chiuse una sala da ballo e un night-club: tutto abusivo

Da via Settevalli fino a Sant'Andrea delle Fratte: i carabinieri controllano i locali che dovrebbero essere circoli o associazione culturale ma in realtà sono solo delle coperture per pagare meno tasse

Finti circoli per non pagare le tasse ma in realtà sale da ballo aperte a tutti e persino un night club con tante ragazze dell'Est pronte ad intrattenere la serata e la notte. E' questo il bilancio dei controlli effettuati nel fine settimana tra Sant'Andrea delle Fratte e via Settevalli da parte dai militari dei NAS (Nucleo anti-sosfisticazioni) e NIL (nucleo ispettorato del Lavoro), da personale civile della locale direzione Provinciale delLavoro, da alcuni funzionari del comando dei Vigili del Fuoco di Madonna Alta.

IL FINTO CIRCOLO MA SALA DA BALLO VERA - A Sant’Andrea delle fratte un presunto circolo privato si è rilevato invece che era in una vera e propria attività di natura imprenditoriale, una sala da ballo, con bar e tanta musica, che era aperta a tutti senza richiedere la necessaria tessera. Per questi motivi il presidente del cirocolo un ragazzo dell’87, è stato deferito in stato di libertà per aver violato diverse disposizioni in materia di sicurezza del lavoro, come la mancanza della nomina del 
medico competente per la sorveglianza sanitaria, la mancanza del Documento Valutazione Rischi e della designazione del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione. Immediata la sospensione dell'atività anche per via di aver occupato 5 lavoratori non registrati e per giunta senza l'autorizzazione sanitaria HACCP.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

UN NIGHT INVISIBILE - In zona Settevalli, invece ci si è trovati di fronte ad una associazione culturale, con licenza di intrattenimento e pubblico spettacolo, per aver dato lavoro a 4 lavoratori senza registrarli. Inoltre erano presenti 14 ragazze dell’est che intrattenevano i clienti anche queste senza registrazione. Chiusura immediata e multa da 20mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento