Controlli Finanza su Fiere e Mercati: sequestrati 1.500 articoli

Nell'ambito delle istituzionali attività di polizia economica e finanziaria, il Comando Provinciale della Finanza di Perugia ha definito e coordinato una serie di controlli in Provincia

In particolare, nell’ottica di prevenire e reprimere i fenomeni dell’abusivismo e della vendita di merce contraffatta, in concomitanza del particolare periodo che ha visto svolgersi nel capoluogo umbro, dall'1 al 5 novembre, la tradizionale manifestazione della “Fiera dei Morti 2012”, sono stati attenzionati i mercati rionali e le piazze dei centri urbani della provincia di Perugia e della zona di Pian di Massiano, per quanto attiene la città di Perugia.

Altri finanzieri in “abiti civili” hanno invece effettuato attività ispettive in materia di scontrini e ricevute fiscali, anche loro riservando particolare attenzione ai medesimi luoghi di aggregazione nonché nei confronti dei rivenditori di vendita diretta di fiori ed affini in considerazione della ricorrenza delle festività di “ognissanti” e della “commemorazione dei defunti”.

Complessivamente, in esito al dispositivo di controllo così apprestato attraverso l’impiego di circa 50 pattuglie, sono state rilevate diverse  irregolarità in materia di scontrini e ricevute fiscali, verbalizzando quindici esercenti ambulanti, mentre in materia di contrasto all’abusivismo, alla vendita di prodotti contraffatti e sulla sicurezza dei prodotti, sono stati eseguiti diversi interventi che hanno portato al sequestro complessivo di circa 1.500 articoli appartenenti alle più disparate categorie merceologiche, tra cui occhiali, accessori e capi di abbigliamento, CD/DVD privi del marchio SIAE e prodotti posti in vendita non conformi alla normativa europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciò ha portato alla denuncia alla locale Procura della Repubblica di 8 soggetti, resisi responsabili delle ipotesi di reato di cui agli artt. 474 (commercio di prodotti con segni falsi), 517 (vendita di prodotti industriali con segni mendaci) e 648 ( ricettazione) del C.P.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento