Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Sbancamento fuori controllo: "Deturpato il profilo della collina": maxi multa a proprietario e ditta

Controlli dei carabinieri della Forestale, 17 persone denunciate. I casi di Passignano e Panicale

La piscina più grande del previsto, la parte a sfioro comparsa senza essere stata inserita nel progetto sottoposto ad autorizzazione. E il barbecue in muratura tirato su senza autorizzazione. E ancora, uno sbancamento quasi dieci volte superiore al consentito, tanto da modificare il profilo della collina sulla quale si stavano eseguendo i lavori per la realizzazione di una abitazione. Sono alcune delle irregolarità che i carabinieri forestali hanno rilevato nel corso di oltre 200 controlli relativi a possibili abusi edilizi. Denunciate 17 persone complessivamente per reati che vanno dall’assenza del permesso di costruire al mancato rispetto delle prescrizioni previste dal permesso stesso. Ancora, mancate autorizzazioni sismiche e mancato rispetto del vincolo paesaggistico

In uno specifico controllo in un cantiere nel comune di Panicale, i carabinieri della stazione di Città della Pieve, riferisce l’Arma, hanno constatato diverse differenze in ambito ambientale e paesaggistico tra quanto autorizzato dalla sovrintendenza e i lavori in corso.

Mentre la costruzione dell’abitazione è risultata in regola, sono emerse irregolarità per la piscina, più grande di quanto autorizzato, a L invece che rettangolare, con un lato a sfioro con cascata non previsto nelle autorizzazioni.

Inoltre sono emerse, riferisce ancora l’Arma, altre irregolarità sulla recinzione della proprietà, sul cancello di ingresso e sul barbecue in muratura, “il tutto realizzato in assenza di autorizzazioni”.

Essendo tutte difformità ai progetti autorizzati, sono stati sospesi i lavori ed è stato denunciato il proprietario. Comune e Regione dovranno valutare se demolire o meno le opere realizzate e non in regola. A Passignano, in un cantiere edile, i carabinieri forestali hanno vericato che lo sbanco effettuato era enormemente superiore a quello previsto e autorizzato. Dai 300 metri cubi previsti, ne sarebbero stati rimossi, in base ai calcoli effettuati anche con supporto dei tecnici del Comune, circa 2.500.  I militari hanno denunciato i presunti responsabili ed elevato due sanzioni amministrative per un totale di 76.000 euro a carico del committente e della ditta esecutrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbancamento fuori controllo: "Deturpato il profilo della collina": maxi multa a proprietario e ditta
PerugiaToday è in caricamento