Controlli a Settevalli e via Campo di Marte: clandestino tradito dalla passione per il gioco

Continuano i controlli dei carabinieri a Perugia nelle aree più a rischio del capoluogo umbro. Due i fermati: clandestini e con l'obbligo di dimora per reati commessi in serie

I Carabinieri di Perugia rafforzano sempre di più i dispositivi di vigilanza e prevenzione nelle aree urbane più sensibili. In quest’ottica, nel corso di mirati servizi espletati nei giorni scorsi, a finire nei guai questa volta sono stati: un 19enne cittadino marocchino, senza fissa dimora, irregolare, con una fedina penale particolarmente nutrita di precedenti, denunciato all’Autorità Giudiziaria per la violazione della normativa sull’immigrazione. A tradirlo la sua passione per il gioco. 

E’ stato infatti controllato in Via Settevalli nel mentre si accingeva a fare una giocata presso una rivendita autorizzata. Alla richiesta dei militari di fornire un proprio documento identificativo, il ragazzo, dopo aver tentato 
di eludere le investigazioni asserendo di averlo dimenticato a casa, posto di fronte all’evidenza all’esito dei primi accertamenti condotti dai carabinieri, ammetteva di non possederlo affatto, confessando la sua natura di clandestino. Per lui è stato subito avviato l’iter per l’espulsione dal territorio nazionale; 

Fermato anche un 29enne nigeriano, domiciliato nel comune di Assisi, anch’egli noto alle forze dell’ordine ed alle cronache giudiziarie locali, denunciato alla magistratura per inosservanza dei provvedimenti del Giudice che procede nei suoi confronti. Colto in atteggiamento sospetto in Via Campo di Marte, è stato fermato ed identificato dai carabinieri dinanzi ai quali ha mostrato sempre più evidenti segnali di insofferenza al controllo di polizia. 

C’è voluto poco ai militari dell’Arma per risalire alle ragioni di tale anomala condotta. All’esito dei riscontri infatti è emerso che a carico dell’uomo era pendente l’obbligo di dimora nel comune di Assisi con prescrizioni domiciliari notturne e quindi la sua presenza nel capoluogo umbro era del tutto illegittima. Sono in corso ulteriori indagini dirette ad appurare le motivazioni che hanno spinto il cittadino nigeriano a violare gli obblighi cui era sottoposto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento