Scoppia la guerra dei balconi, condomini in tribunale per scoprire chi lancia la spazzatura

Il proprietario di un appartamento trova il terrazzo sempre sporco e se la prende con i vicini. In aula è scontro a colpi di foto e testimoni

Mozziconi di sigaretta, bucce d’arancia, stuzzicadenti, briciole. Ogni sorta di rifiuto può essere gettato sul balcone del vicino perché “persona schiva”, che non “partecipa alle riunioni di condominio” e “non saluta” gli altri condomini.

Per i condomini che da piano superiore gettato i rifiuti su quello sottostante, invece, è scattata la denuncia per molestie e il processo, difesi dall’avvocato Lorena Ciuffoli.

Il proprietario del balcone deturpato dal lancio di rifiuti, assistito dall’avvocato Olga Ciminati, si è costituito parte civile nel processo lamentando “un forte danno morale dall’aggressione e dall’atteggiamento persecutorio posto in essere” dalla coppia di vicini. L’appartamento in questione era della nonna e, quindi, vi è legato in maniera particolare. Un legame che ha spinto l’uomo a rifiutare l’idea di vendere l’immobile, nonostante le continue molestie.

Pur riconoscendo di avere un carattere schivo, poco propenso a stringere amicizia, sostiene l’uomo, questo non autorizza i condomini “a rovesciare sul terrazzo i loro rifiuti”. Accusa che è stata documentata con un ampio apparato fotografico.

Gli imputati respingono le accuse e presentano una serie di fotografie con le quali attestano la presenza sul terrazzo di foglie e briciole di pane. I balconi, inoltre, sono perpendicolari uno sull’altro, difficile gettare qualcosa. Tanto più che un’identica azione civile è stata già tentata contro la coppia, ma il giudice di pace l’ha rigettata.

Quando è arrivato il decreto penale di condanna, quindi, fare opposizione è stato quasi un gesto obbligato, per ristabilire la verità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina il giudice Lucia Innocenzi ha assolto la coppia perché non è stata raggiunta la prova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento