menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La massacra di botte e le spruzza in faccia spray urticante: condannato marito "terribile"

Prima beveva, poi sfogava la sua aggressività contro la moglie, tanto da arrivare a fratturarle il naso e a colpire con un fendente al volto "il rivale" che l'avrebbe importunata

La piaga dell'alcol e della violenza, insinuate come veleno all'interno delle mure domestiche. Si conoscono, si innamorano, ma presto la vita coniugale si trasforma in un inferno a causa dei comportamenti aggressivi di quell'uomo, un tunisino 38enne, nei confronti della propria moglie, un'italiana di 45 anni. Sarà la donna a sporgere denuncia per le angherie subite, tanto da arrivare a ricorrere alle cure del pronto soccorso per abrasioni da spray urticante, frattura delle ossa nasali e  ferita da taglio all'orecchio, con prognosi di tre, quaranta e dieci giorni. Il gup Lidia Brutti ha accolto questa mattina la richiesta di patteggiamento a un anno e otto mesi; nessuna pena sospesa in quanto l'imputato - difeso dagli avvocati Donatella Panzarola e Cristian Giorni - ha altri precedenti. 

Secondo l'accusa il marito, spesso in preda all'acol, avrebbe minacciato ed umiliato la compagna imponendole un regime di vita "improntanto al terrore, vessatorio, mortificante e insostenibile", "nell'averla esortata a lasciare l'abitazione per la paura di essere sottoposta ad atti di violenza". L'avrebbe aggredita e picchiata per strada, in prossimità di un pubblico esercizio, e in altre occasioni, colpita con calci e pugni in faccia e su tutto il corpo per "futili motivi". Nel mirino dell'uomo, anche un connazionale di 30 anni colpito da un coltello in faccia (prognosi di dieci giorni)  e colpevole - secondo l'imputato - di aver importunato la moglie. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento