rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca Città di Castello

Gira armato di pistola per Città di Castello: processato e condannato

L'imputato, un 60enne, era accusato di aver violato la legge sul possesso, utilizzo e trasporto di un'arma finta alla quale era stato tolto il tappo rosso

Condannato a pagare un’ammenda di 667 euro per essere stato trovato, fuori di casa, in possesso di una pistola senza tappo rosso.

È la condanna emessa a carico di uno straniero di 63 anni, difeso dall’avvocato Giuseppe Montone, finito sotto processo con l’accusa di aver violato la legge sul possesso, utilizzo e trasporto di armi.

Secondo l’accusa l’imputato avrebbe, “senza giustificato motivo” portato “fuori dall’abitazione e dalle relative pertinenze una pistola a gas da soft air Colt Combat Mod. 1911 priva del contrassegno rosso sul vivo di volata”.

L’uomo è stato fermato mentre si aggirava per Città di Castello con una pistola finta, alla quale è stato, però, tolto il tappo rosso previsto dalla legge. Agli agenti che lo avevano fermato non aveva saputo dare una giustificazione né per l’essere armato né per aver rimosso il tappo rosso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gira armato di pistola per Città di Castello: processato e condannato

PerugiaToday è in caricamento