menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inchiesta sanità - Docente universitaria sospesa per un anno dall'ufficio e dallo stipendio

La professoressa era presidente di commissione per un concorso che la Procura di Perugia ritiene sia stato truccato, favorendo alcuni candidati

Dodici mesi senza insegnare e senza stipendio. Lo ha deciso la commissione di disciplina dell’Università degli studi di Perugia nei confronti di una docente indagata per i presunti concorsi truccati nella sanità regionale.

La docente, però, contesta la decisione del consiglio di disciplina e fa ricorso al Tribunale amministrativo regionale, rivolgendosi all’avvocato Francesco Augusto De Matteis.

Nel ricorso “si contesta la legittimità della sanzione della sospensione dall’ufficio e dallo stipendio per la durata di 12 mesi, comminata dall’Università degli Studi di Perugia all’odierna ricorrente, per una vicenda penale che ha coinvolto quest’ultima in qualità di presidente di una commissione di concorso”.

La richiesta ai giudici amministrativi riguarda l'annullamento della delibera con la quale “il Consiglio di Amministrazione ha accolto la proposta del Collegio di Disciplina ed ha comminato alla ricorrente la sanzione della sospensione dall'ufficio e dallo stipendio per la durata di 12 mesi”. Una richiesta di fissazione d’urgenza dell’udienza camerale per discutere di tale decisione.

I giudici amministrativi, però, hanno “ritenuto di dover respingere la suindicata istanza, atteso che le specifiche ragioni d’urgenza ivi specificate (attivazione della sanzione disciplinare a far data dal ...), sono venute meno a seguito dell’avvenuta rimozione d’ufficio degli atti impugnati”. Cioè sono scaduti i termini della sanzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento