rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Il sito del Comune dimentica Maria Montessori e il Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi

Dunque, non uno, ma ben tre sono i personaggi insigniti della cittadinanza onoraria dal Comune di Perugia. L’informazione del sito ufficiale è errata, in quanto parziale e incompleta

Ma quel sito del Comune ha la memoria corta. O meglio: quanti sono tenuti a tenerlo efficiente e aggiornato hanno perso qualche passaggio. Al punto da ignorare perfino quanti personaggi (sono tre in tutto) siano stati insigniti della cittadinanza onoraria della città del Grifo. Andando all’indirizzo http://www.comune.perugia.it/pagine/cittadinanza-onoraria, si trova scritto testualmente: “La cittadinanza onoraria di Perugia è stata concessa una sola volta a S.E. l’Arcivescovo di Perugia. Mons. Raffaele Baratta (atto C.C. n 862 del 9.12.68)”.

A dire il vero, la cittadinanza onoraria è stata concessa dal Comune di Perugia almeno altre due volte: esattamente alla pedagogista Maria Montessori, nel 1950 (in occasione del suo ottantesimo compleanno), e alla Birmana Aung San Suu Kyi, Nobel per la pace 1991, celebrata anche con un grande evento-convegno presso l’Università per Stranieri. La consegna della pergamena alla Montessori avvenne ufficialmente in Sala dei Notari, il 31 agosto 1950, come ci informa “Il Messaggero” del 2 settembre dello stesso anno (foto in pagina). Ci furono telegrammi di felicitazioni da parte di monsignor Montini (futuro Papa Paolo VI) e del ministro della Pubblica Istruzione Guido Gonnella.

Quella che più spiace – in questa omissione – è la colpevole dimenticanza della Montessori che fu, nel 1952, anche docente all’Università per Stranieri di Perugia e che volle la creazione del Centro “con la sapienza dello scienziato e con la predilezione di una figlia”, ebbe a dire il sindaco Aldo Manna. Nella città di Perugia esiste, appunto, un Centro internazionale di grande prestigio, intitolato alla Montessori, per non parlare delle numerose scuole a indirizzo montessoriano e, alla Pesa, della Scuola Santa Croce, che ha formato meritoriamente (e lo fa tuttora) generazioni di bambini.

La cosa è così vera che siamo in grado di produrre la pergamena di nomina, assolutamente identitaria, con tanto di Arco Etrusco e Palazzo dei Priori. Era opera (d’arte) del docente dell’Accademia di Belle Arti professor Morbelli e portava l’ineccepibile motivazione: “A Maria Montessori che, con la giovinezza perenne d’un apostolato educativo, per cui da tutto il mondo ha plauso, compie il suo ottantesimo anno, Perugia offre la propria cittadinanza, onore che non uguaglia quello che essa rende creandovi in centro permanente del metodo di insegnamento intellettuale e morale che, suggellato dal nome di Lei, sa, con arte originale e sapiente, del fanciullo far uomo”. Per Decreto Comunale del XXXI agosto MCML, il sindaco…

Dunque, non uno, ma ben tre sono i personaggi insigniti della cittadinanza onoraria dal Comune di Perugia. L’informazione del sito ufficiale è errata, in quanto parziale e incompleta.

pergamena della concessione della cittadinanza onoraria di Perugia alla pedagogista  Maria Montessori-2

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sito del Comune dimentica Maria Montessori e il Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi

PerugiaToday è in caricamento