menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Andrea Romizi

Il sindaco Andrea Romizi

Coronavirus, l'appello del sindaco Romizi ai cittadini e ai commercianti: "Rispettate le distanze e le norme igieniche"

Intanto la prefettura di Perugia ha chiesto alle forze dell'ordine e alle polizie locali di vigilare sui dispositivi del decreto

Rassicurare i cittadini di questi tempi non è facile dopo ordinanze che hanno stravolto la vita di tutti i giorni e decreti che hanno bloccato l'Umbria, come il resto del Paese. Il Comune di Perugia ci sta provando chiedendo di avere "un atteggiamento sereno" e allo stesso tempo di non sottovalutare l'emergenza a causa della quale tutti devono rispettare tassativamente le regole imposte dal Governo.
 
L'amministrazione comunale ha rivolto un appello a bar, ristoranti, negozi e supermercati che restano rigorosamente aperti anche se, dopo il decreto anti-contagio, sono mezzi vuoti. "A tutti i titolari di pubblici esercizi che, pur potendo continuare a svolgere l’ordinaria attività, hanno il dovere assoluto di rispettare tutte le indicazioni emanate dal Consiglio dei Ministri. In particolare all’interno degli esercizi aperti al pubblico, devono essere messe in atto tutte le norme di igiene, sanità e sicurezza previste nel DPCM, con particolare riferimento al rispetto delle distanze minime interpersonali, pari ad un metro". Il prefetto di Perugia, a sua volta, ha chiesto alle forze dell'ordine e alle polizie locali di vigilare sulle disposizioni anti-contagio per farle rispettare integralmente. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento