rotate-mobile
Cronaca

Comune di Perugia e Guardia di finanza a caccia di "furbetti" per l'utilizzo dei fondi del Pnnr

Sottoscritto un protocollo d'intesa che prevede lo scambio di informazioni sull'affidamento dei lavori che verranno finanziati tramite gli aiuti europei

Comune di Perugia e Guardia di finanza insieme nel contrasto ai "furbetti" nell’utilizo dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Gli interventi finanziati dal Pnrr in ambito comunale saranno, infatti, oggetto di rapporti di collaborazione e di scambi di informazioni tra il Comune e il Comando provinciale della Guardia di finanza di Perugia sulla base di un protocollo d’intesa firmato dal sindaco Andrea Romizi e dal comandante provinciale, il colonnello Antonella Casazza.

L’obiettivo dell’accordo, in vigore fino a fine 2026, è rafforzare le azioni a tutela della legalità dell’attività amministrativa relativa all’utilizzo di risorse pubbliche e, in particolare, di quelle destinate al Pnrr, attraverso la prevenzione e il contrasto di qualsiasi violazione o irregolarità. In particolare, il documento riguarda le misure di sostegno e gli incentivi per i quali è già stato perfezionato l’iter di concessione di competenza dell’amministrazione comunale.

Il Comune di Perugia si impegna a mettere a disposizione della Guardia di finanza dati, notizie, informazioni e analisi di contesto utili al perseguimento delle finalità dell’accordo. L’ente comunicherà, ad esempio, i dati relativi all’affidamento di lavori, servizi e forniture, rientranti nelle progettualità finanziate con fondi del Pnrr, ed eventuali subappalti. Anche nel corso della procedura di selezione e scelta del contraente il Comune potrà fornire input informativi qualificati utili per la prevenzione e la repressione di irregolarità, frodi e abusi di natura economico-finanziaria.

La Finanza potrà utilizzare gli elementi così acquisiti per orientare e rafforzare l’azione di prevenzione, ricerca e repressione degli illeciti economico-finanziari in danno al bilancio comunale, statale e dell’Unione europea. Nel rispetto delle norme in materia di segreto investigativo penale, sulla riservatezza della fase istruttoria contabile e sul segreto d’ufficio, segnalerà al Comune, laddove necessario per lo svolgimento dei compiti istituzionali, le risultanze dei propri interventi. Il Comune di Perugia, a sua volta, comunicherà al Corpo eventuali iniziative assunte o i provvedimenti conseguentemente adottati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Perugia e Guardia di finanza a caccia di "furbetti" per l'utilizzo dei fondi del Pnnr

PerugiaToday è in caricamento