La città che cambia: cittadella giudiziaria in PiazzaPartigiani? "No, ucciderebbe il centro, quello vero"

Continua il dibattito in città su favorevoli e contrari al progetto della cittadella giudiziaria nei locali dell'ex carceri. Un progetto che è stato rilanciato dal Governo, dopo le tante sollecitazioni del Comune, Regione e foro di Perugia. Ma c'è anche chi dice no... lasciare tutto com'è

“La cittadella giudiziaria a piazza d’Armi sarebbe una scelta esiziale per piazza Matteotti e via Mazzini, rinate a nuova vita commerciale!”. Questo il commento di un operatore economico che dice la sua sull’ipotesi, circolata in questi giorni, di riunire sedi e funzioni giudiziarie all’ex carcere di piazza Partigiani.

Gli chiediamo di spiegarsi: “La maggior parte degli avventori di bar, tabaccherie e negozi del centro – specie nel corso della mattinata – sono quanti, a vario titolo, frequentano il palazzo di Giustizia. Se togliamo la Corte d’Appello, sarà la fine: non avremo più interlocutori, clienti, avventori. Dovremo abbassare le saracinesche”.

È un dato di fatto che anche il palazzo delle Poste, ormai in gran parte adibito a uffici giudiziari, è popolato di impiegati e persone i cui interessi ruotano nell’ambito della giustizia. “Liberare il palazzo del Bargello e quello delle Poste per farne che?”, commenta un commerciante di piazza Matteotti. E aggiunge: “Mica penseranno di farci l’ennesimo centro commerciale? Per quello basterà il Mercato Coperto, riportato alle sue originarie funzioni, appena terminati i lavori di adeguamento”.

Commento amaro: “Non è questa la strada per riportare gente al centro: così si spoglia l’acropoli di funzioni e di vita. È già successo negli scorsi decenni: il processo, una volta avvenuto, è irreversibile”. Anche un alto magistrato perugino, in servizio nella capitale, condivide la preoccupazione. E ricorda che negli anni Cinquanta si pensò di edificare, a fini di giustizia, la zona dove sorge attualmente il parcheggio Pellini e commenta: “Per fortuna, non se ne fece niente!”.

Aggiunge inoltre: “Il carcere di piazza Partigiani è costruito secondo un sistema sul quale furono edificati degli edifici nella seconda metà dell’ottocento: si chiamava PANOPTICON (carcere ideale, progettato nel 1791 dal filosofo e giurista Jeremy Bentham) perché consentiva di tenere tutto sotto controllo da una postazione centrale. Si tratta di uno schema rigido, assolutamente inidoneo a ricavarne aule e uffici di giustizia”. Pensiamo, tanto per dire, l’involontario umorismo del giudice che dice: “Ho udienza al quarto braccio”.

Superfluo ricordare, inoltre, che la gran parte degli studi legali si trova in adiacenza all’acropoli e che dunque l’attuale collocazione del palazzo di giustizia è perfetta. Oltre che porsi in linea di continuità con secoli di storia e identità. “Meno male – osserva un commerciante di via Mazzini – che il cosiddetto ‘protocollo’, sottoscritto di recente, è una semplice dichiarazione d’intenti, poco più che un auspicio. Anche se dovesse mai essere tradotto in fatti, col tempo di un ventennio e tutti i milioni da reperire, io e il mio negozio non ci saremo più”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In ogni caso, a me a parecchi miei colleghi – aggiunge – questa proposta pare un’enorme sciocchezza”. Un’ultima battuta sui costi per le casse municipali: “Se va via il palazzo di giustizia, i costi di manutenzione saranno a totale carico del Comune, mentre adesso, in buona parte, sopperisce il contributo statale. Insomma: spostare equivarrebbe a generare una catastrofe, anche finanziaria”. “E poi – constata amaramente – pare sia saltato pure il recupero delle sale Salara e Gotica che dovevano essere collegate alla costituenda biblioteca degli Arconi”. Insomma, il motto, nel rispetto della tradizione, sembra essere sempre l’antico brocardo: “quieta non movere… et mota quietare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento