menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città di Castello, blitz delle Fiamme Gialle: scoperte video-slot taroccate

La scoperta è stata fatta dai finanzieri della Tenenza di Città di Castello che hanno effettuato un controllo in una sala giochi. Super multa al proprietario. Si cerca di capire se danneggiati Fisco o giocatori

Video-slot con il trucco. Ora bisogna capire se a discapito dei giocatori - con vincite taroccate - oppure più semplicemente a danno del Fisco con tanto di dati ritoccati a ribasso per pagare meno tasse. La scoperta è stata fatta dai finanzieri della Tenenza di Città di Castello che hanno effettuato un controllo in una sala giochi dell’Alta Valle del Tevere. Insieme alle Fiamme Gialle anche i tecnici del Monopolio di Stato per verificare le macchinette. 

Nonostante la regolare connessione alla rete telematica e la trasmissione dei dati relativi alle giocate effettuate al concessionario di rete, da un attento e capillare controllo effettuato all’interno degli apparecchi venivano riscontrate delle manomissioni sui sistemi anti-effrazione delle schede elettroniche. In pratica era possibile avere accesso alle predette schede elettroniche, da parte del gestore degli apparecchi o dell’esercente sala giochi, senza provocarne il blocco immediato e la segnalazione ai monopoli di stato, così come previsto dalla normativa di settore. 

Al momento sono state contestate solo irregolarità amministrative sui 18 apparecchi- new slot - che sono stati sottoposti immediatamente a sequestro amministrativo per la successiva confisca. Inoltre, sono state sequestrate anche le somme di denaro contenute negli apparecchi, per un totale di circa 13.000 euro. La sanzione amministrativa comminata al gestore ammonta ad 72mila euro.

Non si escludono ulteriori accertamenti e sviluppi dell’operazione tesi ad individuare nelle slot machine sequestrate l’applicazione nei contatori di un chips o filtro che ne potrebbe condizionare il prelievo fiscale, cosiddetto "Preu", inviando alla rete telematica dei monopoli di stato i dati "ritoccati" al ribasso, come accaduto in altre operazioni della specie portate a termine dalla fiamme gialle sul territorio provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento