Ancora incivili e furbetti del rifiuto selvaggio, ma stavolta gli è andata male: stanati e multati

La polizia municipale è riuscita a identificare i responsabili dell'abbandono di rifiuti (dagli pneumatici a un televisore fino a residui edilizi) davanti al centro di raccolta di Trestina

Immagine d'archivio

Stanati i furbetti dei rifiuti selvaggi. La polizia municipale di Città di Castello è riuscita ad identificare i responsabili che nei giorni scorsi avevano scaricato materiale vario (residui edilizi, pneumatici, un televisore e arredi) nei pressi del cancello di accesso nel centro di raccolta di Sogepu a Trestina.

E’ il risultato dell’indagine che i Vigili Urbani guidati dal vice comandante Graziano Fiorucci hanno portato a termine grazie all’acquisizione delle immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso installate nell’impianto dalla società gestrice.

L’esame dei fotogrammi ha permesso di scoprire ch gli autori dell’illecito, di giorno e in alcuni casi ripetutamente, abbandonavano i rifiuti approfittando degli orari di chiusura del centro di raccolta. Per loro, terminate le procedure del caso, scatterà la sanzione pecuniaria prevista dalla legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In piena sinergia con le forze dell’ordine e con i corpi di polizia deputati al contrasto dei reati ambientali, come amministrazione comunale siamo in prima linea contro il malcostume dell’abbandono dei rifiuti, che deturpa la città e offende il senso civico della maggioranza dei tifernati che rispettano le regole”, afferma l’assessore all’Ambiente Massimo Massetti nel sottolineare “l’efficace lavoro della Polizia Municipale e di Sogepu che ha permesso di identificare tempestivamente i responsabili di un comportamento che, a termini di legge, può essere punito non solo sotto il profilo amministrativo, ma anche penale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

Torna su
PerugiaToday è in caricamento