menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città di Castello, finti turisti dalla Puglia a caccia di polli da spennare

E' andata male a quattro sospettati con precedenti per truffa, bancarotta e assegni falsi. Erano pronti a mettere a segno delle truffe ma i Carabinieri li hanno anticipati ed espulsi...

Tre cittadini italiani di origini pugliesi sono stati fermati dai Carabinieri della Compagnia Città di Castello. Un cittadino ha segnalato la presenza di quattro strani individui che si aggiravano per i bar del centro storico. I militari in borghese hanno individuato tre di loro e li hanno tenuti d’occhio per un po' in attesa di individuare anche il quarto soggetto. Quando il gruppetto è salito a bordo di un’autovettura sono stati fermati e portati in caserma. Dai documenti in loro possesso è emerso che tutti, di età compresa tra i 38 ed i 56 anni, hanno precedenti di Polizia per reati vari e, in particolare, per truffe, bancarotta fraudolenta e falso. 

I tre hanno concordemente riferito di essere giunti a Città di Castello solo alcune ore prima del controllo per una breve tappa turistica prima di rientrare in Puglia dopo un viaggio di lavoro in nord Italia. La perquisizione dell’autovettura ha permesso però di rinvenire una ricevuta da cui emergeva invece che erano arrivati almeno il giorno precedente ed avevano pernottato in un albergo del centro. 

La loro versione, unita al fatto che tutti smentivano la presenza di un quarto uomo, cosa invece ritenuta fortemente probabile, lascia ipotizzare che il gruppetto di pregiudicati si trovasse in Alto Tevere per commettere delle truffe. Per tale motivo a loro carico è stata richiesta l’adozione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Città di Castello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento