Omicidio-suicidio a Città di Castello, tragedia premeditata: una lettera di addio ritrovata dalla Polizia

L'autopsia dirà l'orario della morte di Juri Nardi e Laura Arcoleni: i loro corpi sono stati ritrovati all'interno del garage della loro casa da un socio in affari della donna. Le ultime sull'indagine condotta dalla Polizia

C’è un biglietto. Anzi per la precisione un foglio bianco, modello “A4”, dove è stata scritta una parte della verità che sta alla base della terribile tragedia di Città di Castello scoperta ieri notte – 6 marzo – in un garage di una villetta isolata ad Uppiano. Un foglio bianco per capire – ma forse solo in parte – perché Juri Nardi, agente della Volante, abbia deciso di uccidere prima la moglie, Laura Arcaleni, e poi utilizzare lo stesso fucile a pompa – regolarmente detenuto – per togliersi la vita.

Un foglio di addio che ora è nelle mani della Squadra Mobile che, insieme al Commissariato e alla scientifica, stanno cercando di ricostruire quello che è accaduto in quel garage. Un foglio scritto a mano che, se confermato, dimostrerebbe che l’agguato mortale era stato premeditato e non sarebbe il figlio di un raptus di follia. A distanza di quasi 12 ore dalla scoperta dei corpi, il movente sarebbe da ricercare tutto nella crisi sentimentale che stava vivendo la coppia. Chi era vicina ai due parla di un imminente separazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima ricostruzione dell’omicidio-suicidio ha messo in risalto che sono stati sparati soltanto due colpi, entrambi ravvicinati e che non hanno lasciato scampo data anche la potenza dell’arma utilizzata dal Narni. I corpi sono stati scoperti dal socio della povera Laura Arcaleni che passando davanti alla casa è rimasto insospettito dalle luci accese nel garage. Pensando che ci fosse all’opera qualche ladro – i furti in zona sono numerosi e ricorrenti – ha scavalcato il cancello e si è diretto verso l’autorimessa. In maniera disperata ha chiamato il 113 e il 118 ma non c’era nulla da fare per Laura e Juri. L’autopsia stabilirà quando è avvenuto l’omicidio-suicidio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento