Città di Castello, dopo danneggiamenti seriali alle auto: tutti denunciati, fiancate rigate, specchietti rotti e schiuma nell'abitacolo

I militari della Stazione Carabinieri sono riusciti ad interrompere una serie di furti e danneggiamenti ai danni di autovetture parcheggiate in diverse zone della città (dal centro storico alla periferia) che andavano avanti oramai da diverso tempo. Il fenomeno aveva assunto dimensioni preoccupanti tanto che l’allarme era stato lanciato da diverse persone che si erano recate sia in caserma denunciando i fatti, ma anche segnalando la loro preoccupazione sui social network.

I CARABINIERI IN AZIONE - Le indagini sono andate avanti tramite continui appostamenti in diverse zone del centro storico e dell’immediata periferia. Ma alla fine i Carabinieri sono riusciti a fermare e denunciare diverse persone, non collegate tra loro, le quali, in tempi e luoghi diversi, si sono rese responsabili dei furti e
danneggiamenti ai danni delle autovetture parcheggiate. 

In particolare, sono stati scoperti i reati relativi al furto di alcuni estintori dall’interno di un garage comunale, i cui autori hanno anche disperso il loro contenuto nelle auto  parcheggiate; il furto e il danneggiamento di alcuni tergicristalli di autovetture parcheggiate nel centro storico e il danneggiamento di altri mezzi mediante (fiancate rigate e rottura degli specchietti laterali).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento