Dà di matto in un bar: bicchieri e bottiglie rotte e picchia un anziano

E' accaduto ieri notte, intorno alle 22,30, a Città di Castello in un bar del centro storico dove un pregiudicato di 43 anni - originario della Sicilia - è stato arrestato dai Carabinieri

Ha lanciato bicchieri, rotto alcune bottiglie e come se non bastasse ha picchiato un anziano che cercava di calmarlo. E' accaduto ieri notte, intorno alle 22,30, a Città di Castello in un bar del centro storico dove un pregiudicato di 43 anni - originario della Sicilia - ha dato di matto anche a causa del troppo alcol ingurgitato durante tutta la giornata.

A dare l'allarme sono stati alcuni cittadini che hanno chiesto l'intervento del 112 per fermare l'ubriaco che era diventato pericoloso. Ha insultato e molestato tutti coloro che erano presenti nel bar. Una volta giunti sul posto, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo, ben conosciuto dalle Forze dell’Ordine e non nuovo a simili episodi, "aveva iniziato ad inveire contro clienti e passanti, rompendo anche alcuni bicchieri e bottiglie; inoltre un anziano avventore gli si era avvicinato nel tentativo di calmarlo, ricevendo in cambio alcuni pugni che lo hanno ferito al volto".

Sul posto è giunta anche un’ambulanza che ha trasportato il ferito al pronto soccorso, dove è stato medicato a causa di alcune profonde ferite al volto. La prognosi è di 10 giorni. L'aggressore è stato arrestato e messo ai domiciliari. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

  • L'Albero sull'acqua supera quota 8mila. E anche Forbes ne parla

Torna su
PerugiaToday è in caricamento