menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco

Scoperti redditi non dichiarati superiori al milione di euro, il mancato versamento di 500 mila euro di Iva e di un milione e mezzo di ritenute

Blitz della Guardia di Finanza: nel mirino tre aziende del settore della macellazione e lavorazione di carne. I militari di Città di Castello hanno scoperto che le tre aziende erano gestite solo formalmente dai rappresentanti, i quali, in realtà, erano semplici dipendenti.

Secondo la ricostruzione delle Fiamme Gialle le attività erano di fatto amministrate da un unico soggetto che elargiva buona parte dello stipendio ai propri dipendenti senza applicare le ritenute previste dalla legge. Nelle buste paghe queste somme “aggiuntive” venivano indicate con diciture improbabili come, ad esempio, “prestiti” o “somme aggiunte al netto”. La Guardia di Finanza ha scoperto 154 lavoratori irregolari, le cui posizioni sono sotto indagine per verificare che non sussistano casi di “reddito di cittadinanza” percepito irregolarmente. Gli accertamenti hanno permesso di appurare la presenza di profili di irregolarità fiscale: redditi non dichiarati superiori al milione di euro e il mancato versamento di 500 mila euro di Iva e di un milione e mezzo di ritenute (in questo caso regolarmente applicate).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento