Il grande cuore, più comfort e privacy in dialisi grazie alle donazioni

Questa importante donazione, dal valore di oltre 15mila euro, si affianca ad altre iniziative analoghe di privati fruitori del servizio ed alla più strutturata attività di rinnovamento compiuta dalla direzione generale

L’Associazione Malattie Renali (A.MA.RE ha donato alla struttura di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Città di Castello nuovi arredi per rendere più confortevoli e riservate le sale dialisi. La donazione è stata presentata giovedì 19 maggio 2016 nella Sala Coli della direzione del presidio ospedaliero alla presenza del direttore generale della USL Umbria 1 Andrea Casciari, del direttore del presidio ospedaliero Alto Tevere Silvio Pasqui, della presidente dell’associazione A.MA.RE. Giuseppina Baccinelli e del responsabile della struttura di Nefrologia e Dialisi Alessandro Leveque.

“Questa donazione rientra nell’ambito di un progetto promosso e condiviso con l’ospedale dal 2015, che è volto a garantire una maggiore privacy ai pazienti che ogni giorno si sottopongono a dialisi – spiega Giuseppina Baccinelli, presidente dell’associazione AMARE da gennaio 2016 - e comprende l’allestimento di separatori mobili in tessuto ignifugo in tutte le sale dialisi per il rispetto della privacy dei pazienti e anche la sostituzione dei tendaggi esistenti delle finestre, sempre in materiale ignifugo”.

“L’impegno per garantire l’eccellenza degli standard di cura medici e sanitari in Nefrologia e Dialisi si sviluppa su tanti fronti e anche quando ci sono le competenze professionali, gli impianti e le tecnologie innovative, è fondamentale continuare a rafforzare l’umanizzazione dei processi di cura riservando la massima attenzione alla persona nel suo insieme. Per questo –  sottolinea il direttore generale Andrea Casciari – a nome di tutta l’azienda ringrazio l’associazione AMARE che con questa nuova donazione contribuisce a garantire una maggiore privacy a tutti quei pazienti affetti da insufficienza renale acuta, che mediamente tre volte a settimana devono sottoporsi a trattamento dialitico”.

Un particolare ringraziamento è stato espresso anche dal dottor Alessandro Leveque: “Da sempre vicina alle esigenze dei pazienti affetti da malattie renali ed in continuo sinergismo con gli indirizzi strategici della nostra azienda sanitaria, l’associazione AMARE ha aggiunto un altro importante tassello al miglioramento della qualità della cura dialitica del centro di Città di Castello, che cura circa 70 pazienti in dialisi extracorporea e 10 in dialisi peritoneale”.

Questa importante donazione, dal valore di oltre 15mila euro, si affianca ad altre iniziative analoghe di privati fruitori del servizio ed alla più strutturata attività di rinnovamento compiuta dalla direzione generale (12 nuovi letti bilancia) volta al continuo miglioramento della qualità erogata e percepita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento