Restituire sempre - Per un cellulare trovato su una panchina scatta la denuncia per ricettazione

Il fatto è avvenuto a Città della Pieve dopo la denuncia per smarrimento di una signora. Due le donne denunciate

Gli oggetti degli altri, anche se trovati in luoghi pubblici, è meglio sempre restituirli al diretto interessato o consegnarli alle forze dell'ordine. Tutto questo per evitare una potenziale denuncia non da poco conto e quindi costosi e rischiosi contenziosi con la giustizia. Lo hanno scoperto a loro spese due donne di 43 e 20 anni che i Carabinieri di Città della Pieve hanno denunciato per il reato di ricettazione in concorso perchè sorprese, a distanza di diverse settimane, utilizzare tranquillamente un cellulare Huawei il cui smarrimento era stato denunciato dalla proprietaria nel mese di giugno.

La donna aveva appoggiato il telefono sopra una panchina dei giardini pubblici, dopo di che si era allontanata dimenticandosi di riprenderlo. Ma dopo circa 10 minuti, il tempo di realizzare di aver perso il cellulare, era ritornata sulla stessa panchina ma senza ritrovare nulla. Le due sospettate, originare dello Sry Lanka, rischiano se condannate una multa da 516 euro e fino a due anni di carcere (con pensa sospesa dato la particolare tenuitù del fatto). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento