menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

KILLER DELL'UMBRIA Nella campagna da favola scaricano liquami di allevamenti

Rifiuti altamente inquinanti che un proprietario di un terreno aveva scaricato a Città della Pieve, nel mese di luglio 2013: si tratta di 350mila chilogrammi provenienti da un grande allevamento di polli

Nei giorni scorsi gli uomini del Comando Stazione di Città della Pieve del Corpo forestale dello Stato hanno accertato su terreni agricoli in località Coste del Comune di Città della Pieve che ingenti quantitativi di liquami provenienti da allevamenti avicoli erano stati depositati in maniera incontrollata tanto da provocare vaste aree di ristagno del percolato.

Rifiuti altamente inquinanti che il proprietario del terreno aveva scaricato, nel mese di luglio 2013: si tratta di 350mila chilogrammi provenienti da un grande allevamento di avicoli, per un carico di azoto complessivo, calcolato da ARPA, pari a 5.600 kg. Direttive europee, leggi nazionali e regionali prevedono specifiche procedure per il corretto utilizzo in agricoltura dei liquami, che consentano il recupero delle sostanze nutritive in essi contenute, in particolare dell’azoto, ed un effetto ammendante del terreno, cioè di miglioramento delle sue proprietà fisiche, a vantaggio delle colture agricole. Perciò l’utilizzazione agronomica dei liquami è consentita solo fino a determinati quantitativi per ettaro, devono essere distribuiti uniformemente sul terreno, in determinati periodi temporali e nel rispetto delle norme igieniche.

Nel caso accertato dagli uomini della Forestale di Città della Pieve non è stata posta in essere nessuna delle procedure previste dalla vigente normativa con il concreto rischio di determinare pericolosi fenomeni di inquinamento del suolo e delle sottostanti falde acquifere.I liquami sono stati infatti depositati sul terreno in maniera incontrollata, presumibilmente per  oltre quattro mesi; questa procedura errata ha trasformato di fatto quella che poteva essere una sostanza concimante naturale in un rifiuto a tutti gli effetti.

Il proprietario del terreno agricolo è stato deferito a piede libero all’Autorità Giudiziaria per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti, perché i fatti accertati dal Corpo forestale dello Stato integrano violazioni in materia di gestione dei rifiuti ai sensi del Testo Unico Ambientale, la pena prevista è l’arresto fino ad un anno o l’ammenda fino a ventiseimila euro.

Sono piuttosto frequenti i casi in cui il Corpo forestale dello Stato, con controlli mirati, accerta irregolarità nella pratica dell’utilizzo in agricoltura di liquami ed effluenti di allevamenti animali oltreché dei fanghi provenienti da impianti di depurazione, queste sostanze possono essere fonte di miglioramento dei terreni, ma se usate senza le dovute modalità e cautele possono produrre ripercussioni negative sull’ambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento