Omicidio Polizzi, sotto accusa la madre di Valerio per "false dichiarazioni"

Citazione diretta a giudizio per la moglie e la madre rispettivamente di Riccardo e Valerio Menenti, condannati per l'omicidio di Alessandro Polizzi

Citazione diretta a giudizio nei confonti di Tiziana Attuoni, madre di Valerio e moglie di Riccardo Menenti, rispettivamente condannati in secondo grado per l'omicidio di Alessandro Polizzi, avvenuto nel 2013. La donna è accusata di "false informazioni al pubblico ministero", perchè deponendo come persona informata sui fatti, avrebbe affermato "falsamente" di aver trascorso la notte tra il 25 e il 26 marzo 2013 nel casale a Todi con il marito".

Oggi in aula, dinanzi al giudice Noviello, la difesa (avvocato Francesco Mattiangeli)  ha chiesto l'applicazione del 384 del codice penale, "che dichiara la non punibilità se il fatto è stato commesso per salvare un prossimo congiunto da un grave o inevitabile nocumento della libertà o dell'onore", dato che la donna era legata da legami di parentela.  La prossima udienza, con la decisione del giudice, è stata fissata al prossimo 28 settembre. La difesa: "Non sussiste per la mia assistita l reato di falsa dichiarazione". 

Una versione che sarebbe risultata insomma, incongruente: "Avevamo deciso di andare a dormire a Todi proprio per non abbandonare il casale, ma siamo partiti tardi, intorno a mezzanotte (..) E' vero che Valerio (condannato a 18 anni per concorso nell'omicidio di Alessandro Polizzi) era ricoverato e che la mattina del 26 avrebbe dovuto sottoporsi ad intervento e che mia madre, invalida, sarebbe rimasta da sola, ma comunque abbiamo deciso di andare a dormire a Todi, perchè non volevo stare ferma a casa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna avrebbe affermato che il marito quella notte dormiva nel letto, lei nella poltrona. Verso le 5 si sarebbe svegliata "anche se non avrebbe proprio dormito" , "si è alzato anche Riccardo e e siamo tornati a Ponte San Giovanni fermandoci a fare colazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento