rotate-mobile
Cronaca

Vanno a trovare la nonna al cimitero, ma è scomparsa: è stata "sfrattata"

Due fratelli hanno deciso di andare insieme a portare un fiore sul loculo dell'amatissima nonna. La sorpresa è stata grande quando hanno visto che l'iscrizione sulla lapide era stata tolta: ecco tutta la storia

Due perugini, fratello e sorella, vanno al cimitero e non trovano più la nonna. “Sono cose che succedono”, commenta un addetto. “Il fatto è che, per le riesumazioni, affiggiamo avvisi che restano in loco anche per diversi mesi. Dopo di che, se nessuno si fa vivo, procediamo comunque, mettendo i resti in una busta, a disposizione di chi dovesse ricercarli”.

E aggiunge che, se lo stato dei resti non è “riducibile”, la salma viene di nuovo interrata. A richiesta, potrebbe anche essere cremata. Ma il forno è ormai fuori uso e il Comune deve decidersi a rifarlo.Com’è noto, la concessione dei loculi ha una durata: si andava dai 99 anni al mezzo secolo, fino agli attuali 30 anni (la nonna dei due è deceduta nel 1985). Ma c’è chi sostiene che ancora non avrebbero dovuto comunque “sfrattarla”.

Tra autentiche "chicche" di peruginità e storia, ecco il libro sul tema del "post mortem"

Le vicende umane sono a termine e tutto può succedere. Accade anche che una famiglia si estingua, che i suoi membri vadano a risiedere all’estero. In tal caso, gli affissi sono inutili e, come spesso accade, non c’è risposta. Ma i due perugini – fratello e sorella, legatissimi alle vicende e alle figure familiari – alla nonna tenevano parecchio. Solo che, per motivi personali, andavano di rado a visitarla. Lui è vissuto ed ha operato per parecchi anni in Germania. Lei è una donna molto impegnata nella comunicazione e travolta dagli impegni.

Perugia, cimiteri lasciati nel degrado, Borghesi: "Il Comune prenda provvedimenti"

Sta di fatto che qualche giorno fa, nella ricorrenza dei defunti, hanno deciso di andare insieme a portare un fiore sul loculo dell’amatissima nonna. La sorpresa è stata grande quando hanno visto che l’iscrizione sulla lapide era stata tolta. Eppure erano sicuri che il luogo fosse quello. Tanto più che i segni dei buchi delle lettere rivelavano chiaramente il nome della loro cara defunta.

Ma i necrofori o “vespilloni” (antico nome perugino di derivazione latina) hanno spiegato loro che c’era una ricerca da fare. Così i due nipoti si sono messi, con paziente tenacia, alla ricerca della nonna perduta. O, meglio: di quel che ne resta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vanno a trovare la nonna al cimitero, ma è scomparsa: è stata "sfrattata"

PerugiaToday è in caricamento