menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un piccolo gioiello del XII secolo riapre al culto: torna a nuova luce dopo cinque anni

L’edificio rappresenta il nucleo più antico del piccolo borgo posto nell’entroterra magionese

Chiusa cinque anni fa per gravi infiltrazioni dal tetto, riapre al culto, a Collesanto di Magione, la chiesa di San Michele Arcangelo risalente al XII secolo. All’edificio, che rappresenta il nucleo più antico del piccolo borgo posto nell’entroterra magionese, sono annesse alcune costruzioni fatiscenti oggetto di un accordo tra la parrocchia di Villantria e la  ditta costruttrice Erre.Gi. srl.

Una scelta che ha avuto un ruolo fondamentale nella ristrutturazione della chiesa di Collesanto riaperta al culto con una cerimonia tenutasi domenica 23 maggio con la partecipazione di moltissimi parrocchiani. È stato infatti grazie all’accordo tra l’impresa edile (che si è fatta carico dei lavori di restauro della chiesa in cambio delle due abitazioni contigue all’edificio di proprietà della parrocchia, ormai ridotte in ruderi), che la comunità ha potuto assistere di nuovo alla celebrazione della santa messa nella chiesa rimessa a nuovo. I lavori hanno riguardato il restauro del tetto, l’eliminazione del solaio con il ripristino del tetto a capanna.

A celebrare il rito don Idilio, che ha sottolineato il grande valore della riapertura ma anche il dovere dei parrocchiani di tenere vivo l’edificio. Un ruolo fondamentale, come è stato ricordato anche dal sindaco Giacomo Chiodini presente all’inaugurazione, è stato svolto dalla presidente della locale confraternita del santissimo Rosario composta di sole donne, Loreta Mezzasoma, che sempre ha sollecitato e operato affinché l’accordo venisse realizzato e i lavori eseguiti. Nell’occasione è stata anche inaugurata, nell’area antistante la chiesa, una lapide a ricordo dei caduti in guerra del paese nei due conflitti bellici.

Nella frazione sono stati effettuati interventi anche dall’amministrazione comunale. Questi hanno riguardato il rifacimento del manto stradale e il cofinanziamento dei sotto servizi dell’area. In programma altri interventi che verranno realizzati in vista dei festeggiamenti per il XXV del Santissimo crocefisso che si celebrerà nel 2020. Al pomeriggio erano presenti gli assessori Nazareno Annetti, lavori pubblici, e Sauro Montanelli, urbanistica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento