Chiama i carabinieri per chiedere aiuto e quando arrivano li aggredisce: arrestato

Ventottenne arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

Chiama i carabinieri per chiedere aiuto, poi li aggredisce e li insulta: scattano le manette. I militari di Città di Castello hanno arrestato un marocchino di 28 anni, residente a Umbertide, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine l'uomo ha chiamato i carabinieri denunciando di essere stato aggredito a bottigliate in una piazza di Città di Castello. Quando i militari sono arrivati il 28enne ha iniziato a inveire, accusandoli di aver tardato e di aver permesso la fuga del suo aggressore.

E non è finita qui. Ha anche aggredito il capopattuglia, spintonandolo e scaraventandolo, e ha rifiutato l'identificazione. Una volta salito in auto, ha preso a testate la paratia divisoria, insultando e minacciando i carabinieri. La storia si è ripetuta anche in caserma. 

Il carabiniere è finito al pronto soccorso dopo la caduta. Il 28enne, invece, è stato sottoposto a dei controlli medici per l'aggressione denunciata. Poi è stato arrestato e rinchiuso agli arresti domiciliari. Il Giudice del Tribunale di Perugia ha convalidato l’arresto e ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione per tre giorni a settimana alla stazione dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento