menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Che fine hanno fatto i buoni spesa del Governo? Tante famiglie alla fame. I Comuni chiedono fondi

Anche Anci Umbria evidenzia la necessità che il Governo vari una ulteriore tranche di risorse per i buoni spesa.

Che fine hanno fatto i buoni spesa del Governo che sono stati elargiti una tantum nel marzo scorso? Che fine ha fatto il welfare per le persone più povere e per quelle famiglie, fino a ieri normali, che ora non hanno lavoro o entrate certe e non riescono ad andare avanti? Nei vari decreti in serie questo aiuto è andato perduto eppure la situazione da ottobre è degenerata ancora di più e con le nuove chiusure la situazione è nettamente peggioranta. Fino ad adesso i comuni, insieme alla Caritas e al Banco Alimentare ci hanno meso la faccia e i soldi, ma ora le risorse sono finite e le richieste, giornaliere, sono aumentate. Da qui la decisione di Anci Umbria di richiedere al Governo una ulteriore tranche di risorse per i buoni spesa.

“Il prolungarsi di questo stato di emergenza - ha dichiarato il presidente di Anci Umbria, Michele Toniaccini - sta acuendo disagi che avevamo già registrato durante la prima fase dell’emergenza e che ora si sono intensificati. Occorre tener conto che a una situazione già precaria si è sommata anche la chiusura di diverse attività produttive, con conseguenze negative sui livelli occupazionali. Dobbiamo occuparci delle nuove emergenze e sostenere le famiglie che ne hanno bisogno. Non lasciamo indietro alcuno.Sono sempre più le persone in difficoltà e dobbiamo intervenire ora, con nuovi buoni spesa”.

A fine marzo scorso l’Umbria aveva ricevuto una dotazione di risorse per i 92 Comuni di 5.492.039,30 euro che alcuni Comuni avevano integrato con fondi propri. In quell’occasione, la maggior parte dei Comuni aveva adottato il sistema dei buoni spesa che alcuni avevano integrato con i pacchi alimentari. Già allora, diversi Comuni avevano dovuto chiudere gli avvisi rivolti alla cittadinanza per esaurimento delle risorse disponibili. Per il 12% dei Comuni ciò era avvenuto entro i primi 20 giorni di aprile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento