menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cerimonia del XX Giugno, il programma per ricordare gli eroi e liberatori perugini

E' stato realizzato il programma per la commemorazione dei caduti per la liberazione dai nazi-fascisti e dallo Stato Pontificio. Sarà presente il sindaco Andrea Romizi

Nonostante le elezioni e il cambio al vertici di Palazzi dei Priori - sindaco Romizi, fuori l'ex Boccali - la nuova amministrazione insieme agli uffici del Comune hanno preparato il cerimoniale e il programma degli eventi per la ricorrenza del XX Giugno. Queste le cerimonie istituzionali per celebrare il 20 Giugno:

Ore 10,00, Borgo XX Giugno:  deposizione  di corone di alloro al monumento ai Caduti del XX Giugno 1859 e alla lapide che ricorda i Patrioti fucilati dai nazi-fascisti nel poligono di tiro    
Ore 10,45, Civico Cimitero: deposizione di una  corona di alloro al monumento ai Caduti
Ore 11,30, Piazza Fortebracci: deposizione di una corona di alloro alla lapide in memoria delle vittime di tutti i genocidi
Ore 21:00, Sala dei Notari: concerto lirico “Eroi ed eroine del melodramma nazionale e risorgimentale”. Musiche di Rossini, Bellini, Verdi, Wagner.  

NEI LUOGHI DELLA LIBERAZIONE - “VICTORIA”era il nome in codice di Perugia negli ordini delle truppe britanniche che nel Giugno 1944 liberarono la città, importante nodo stradale e ferroviario e punto di passaggio obbligato verso Firenze. Nel 70° anniversario della Liberazione si svolgerà sabato prossimo, 21 giugno, a cura del Club Alpino Italiano-Sezione di Perugia e della Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia- Sezione di Perugia, una  escursione il cui itinerario ricalcherà il passaggio delle truppe alleate.

Ritrovo alle ore 7,30 presso la stazione ferroviaria di S. Martino in Campo. L’escursione ripercorrerà i luoghi più importanti della liberazione di Perugia: partendo da S.Martino in Campo l’itinerario toccherà Osperellone, Monte Corneo, I Murelli, Borgo XX Giugno, Piazza IV Novembre, Porta S.Angelo, Ponte d’Oddi, gli “arcacci”, Monte Pacciano, Monte Bagnolo, Pieve S.Sebastiano, Monte il Giogo e terminerà a Ponte Felcino. Ritorno  in treno. Durante i 25Km del percorso verranno illustrati gli avvenimenti noti e meno noti che hanno preceduto la liberazione della città. 

Il percorso è impegnativo e richiede allenamento e calzature adeguate (obbligatori gli scarponi ) sia per via della lunghezza che dei dislivelli. E’ necessario prevedere un’adeguata scorta di acqua e viveri. Possono partecipare i soci CAI e UNUCI in regola con l’iscrizione per il 2014, ma l’ escursione è aperta anche ai non soci purché in possesso dell’equipaggiamento e dell’allenamento richiesto. I non iscritti devono prenotarsi presso la sede del CAI in Via della Gabbia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento