In forte aumento i mal di testa cronici: c'è una nuova cura sperimentale, ecco i fattori di rischio

Il Centro Cefalee dell'Ospedale di Perugia sta somministrando una cura sperimentale su 15 casi gravi. Oltre 2mila i pazienti che ricorrono alle cure. L'analisi della professoressa Sarchielli

In un anno 2300 pazienti sono costretti a ricorrere al centro cefalee dell'Ospedale di Perugia per cercare di arginare una patologia altamente impattante a livello sociale e lavorativo. Ci sono poi 15 pazienti costretti a subire delle emicranee devastanti e sono refrattarie ai vari trattamenti standard; da qui la decisione di somministrare delle terapie sperimentali. Insomma una patologia da non sottovalutare e che rischia di diventare cronica. 

"Il numero di chi soffre di mal di testa - ha spiegato la professoressa Sarchielli - è purtroppo in crescita, e tra gli altri un fattore di rischio importante e  il sovrappeso,  diretta conseguenza  della cronicità del dolore. Nelle terapie che proponiamo ai pazienti c’è  anche  il consiglio di svolgere attività fisica. Le donne sono  maggiormente colpite dalla cefalea, oramai è stabile il rapporto di 2-1 con il sesso maschile”.

Fortunatamente i casi gravi sono limitati, ma anche quelli di media intensità incidono fortemente sulla  qualità della vita, con perdita di ore lavorative e impossibilitati ad avere una vita sociale regolare.  Il centro cefalee di Perugia si avvale delle prestazioni di quattro medici ed è attivo a livello ambulatoriale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre gli specialisti stanno lavorando ad una nuova cura: “Lo studio è in atto da quasi due anni – ha ribadito la Professoressa Sarchielli - in tempi brevi arriveranno  anche le prime conclusioni con relativa pubblicazione dei risultati". I primi risultati sarebbero incoraggianti sui 15 pazienti "perugini" trattati con l’anticorpo monoclonale che usufruiscono di una copertura dagli attacchi di cefalea grazie ad una somministrazione sottocutanea che è ripetuta ogni tre settimane. L'obiettivo è quello di fermare il neurotrasmettitore GRP, responsabile degli attacchi di emicrania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento